Ricordo di Carinzia

Remarque : Cet article est disponible dans une langue uniquement. Auparavant, les bulletins annuels n'étaient pas traduits.

RICORDO DI CARINZIA

Ricordo di Carinzia

Bene m' accorsi, nel rifugio alpino, Ch' eri dell' arte ginnica maestra: Il tramonto, colpendo la finestra, Illuminava il corpo tuo divino.

Mangiammo una scodella di minestra, Scambiammo due parole sul cammino: Paragonando te col mio declino, A pena osai di stringerti la destra.

Malato, non ti chiesi per compagna, O gentile ragazza di Vienna; Non rivedrò neppure la montagna,

Bianchissima, cui il primo verso accenna, Ma un giorno, Beatrice d' Alemagna, Forse mi salverai dalla Geenna.

H. R. Landolt

Feedback