Mont Vélan | Club Alpino Svizzero CAS

Disclaimer

Percorrere itinerari alpini esige una buona condizione, una preparazione seria e conoscenze tecniche nell’ambito dello sport di montagna. Chi percorre un itinerario descritto lo fa sotto la propria responsabilità. Per frequentare in sicurezza la montagna il CAS consiglia una formazione acquisita sotto la guida di esperti. Tutti i contenuti del Portale escursionistico del CAS sono presentati con la massima accuratezza. Il Club Alpino Svizzero CAS e gli autori non possono garantire però in alcun modo sull’attualità, la correttezza e la completezza delle informazioni messe a disposizione. Procedimenti di qualsiasi tipo contro il CAS o gli autori sono esclusi.

Mont Vélan 3722 m Archivio degli itinerari

Possiamo mettere il Mont Vélan nella stessa categoria dove troviamo Aiguille du Tour, Aiguille du Chardonnet, Aiguille d'Argentière e Mont Dolent: la forma impressiona, la montagna è importante ma non è quattromila ed è «oscurato» da un suo vicino più ancora imponente - in questo caso il Gran Combin -. Il suo aspetto segue la norma generale di praticamente tutte le montagne alle nostre latitudini: lato sud roccioso, lato N ghiacciato. La vetta del Mont Vélan è costituita da una cupola ghiacciata quasi piatta che, sulle vecchie CN, è quotata 3731 m mentre su quelle più recenti è alta «solo» 3722 m. Colpisce il fatto che il canone Murith dell'Ospizio del Gran S. Bernardo - un famoso botanico di quei tempi - accompagnato da due locali, scalò per la prima volta la montagna e questo molto prima dell'«età d'oro» delle grandi ascensioni nelle Alpi.

Punti d'appoggio: Bourg St-Bernard, Cabane du Vélan, Refuge Chiarella, Bivouac Savoie, Refuge Champillon. Il nome deriva dal dialetto «velan» o «vélan» che significa cattivo, difficile, scuro, opprimente e che allude al suo aspetto inavvicinabile. I locali lo chiamano «Le V'lan».

Laurent-Joseph Murith con i cacciatori Moret e Genoud, 31. agosto 1779 (Parete W e P. 3681).

Dall'archivio itinerari

Capanne nella regione

Feedback