Traversata dalla Capanna Campo Tencia al Rifugio Alpe Sponda | Escursionismo alpino | Pizzo Forno | Club Alpino Svizzero CAS

Disclaimer

Percorrere itinerari alpini esige una buona condizione, una preparazione seria e conoscenze tecniche nell’ambito dello sport di montagna. Chi percorre un itinerario descritto lo fa sotto la propria responsabilità. Per frequentare in sicurezza la montagna il CAS consiglia una formazione acquisita sotto la guida di esperti. Tutti i contenuti del Portale escursionistico del CAS sono presentati con la massima accuratezza. Il Club Alpino Svizzero CAS e gli autori non possono garantire però in alcun modo sull’attualità, la correttezza e la completezza delle informazioni messe a disposizione. Procedimenti di qualsiasi tipo contro il CAS o gli autori sono esclusi.

Traversata dalla Capanna Campo Tencia al Rifugio Alpe Sponda (Via normale) Pizzo Forno 2907 m

  • Difficoltà
    T4
  • Salita
    3:30 h, 920 m
  • Discesa
    1:30 h, 1060 m

Un panorama a 360 gradi

In fatto di vista, le montagne della Leventina non devono certo nascondersi. Alcune sono persino punti di osservazione di prim’ordine. Tuttavia, se proprio volessimo eleggerne una vincitrice, probabilmente sarebbe il Pizzo Forno. Grazie alla sua posizione solitaria (non si trova nella catena principale, bensì davanti, su uno spuntone che si erge in alto sopra la valle), regala scorci in profondità, panorami circolari, viste da vicino e da lontano come poche altre vette. Conviene quindi tenere d’occhio le previsioni del tempo per scegliere una giornata secca e limpida, ancor meglio se in autunno.

Descrizione dell'itinerario

Capanna Campo Tencia – Passo di Ghiacciaione

Dalla Capanna Campo Tencia (2 140 m) si segue il sentiero scendendo brevemente in direzione Dalpe, fino a circa 2 090 m, dove iniziano le marcature bianche e azzurre per il Passo di Ghiacciaione. L’itinerario alpino sale poco all’inizio, seguendo la cengia erbosa della Senda del Ghiacciaio e attraversando alcuni torrenti. Uno di questi è assicurato da una corda fissa: nei periodi di pioggia o nel pomeriggio durante il disgelo, qui è richiesta particolare attenzione. Dopodiché, la via costeggia il bordo di demolizione del Böc di Comasnè. Un punto è un po’ esposto, ma si può aggirare più in alto senza sentieri. Leggermente in salita, si passa sotto pareti rocciose fino al bacino detritico della Lavina di Croslina. Seguendo gli ometti di pietra, si può camminare per un po’ su un sentierino erboso, raggiungendo solo molto in alto le ampie distese di pietrisco e massi. Qui si può trovare neve fino a tarda estate. Se è leggermente sciolta, ma compatta, può essere un grande vantaggio. Dato che nella parte superiore gli ometti si diradano, ci si domanda dove sia esattamente il Passo di Ghiacciaione (2 716 m). Osservando la lunga cresta da sotto, il passaggio si trova subito a est delle ultime pareti rocciose del Poncione del Laghetto. In altre parole, si percorre la cresta il più a destra possibile.

Passo di Ghiacciaione – Pizzo Forno – Passo di Ghiacciaione

Dal passo di procede alcuni metri verso sud, dove si incontrano nuovi ometti di pietra, che conducono a ovest. L’itinerario sale dal fianco sud-occidentale del Pizzo Forno, composto da tanti massi, in parte grandi, in parte instabili. Il tratto finale della salita non è difficile, ma un po’ impegnativo e arriva al punto più alto del Pizzo Forno (2 907 m). Dopo una meritata pausa, si torna dalla stessa via fino a sotto il Passo di Ghiacciaione.

Passo di Ghiacciaione – Rifugio Alpe Sponda

In corrispondenza del passo, si imbocca la traccia sempre più evidente che scende verso sud. Entro breve si raggiunge il bizzarro letto del Ri di Vedlè e lo si segue attraverso paesaggi verdi fino al Rifugio Alpe Sponda (1 997 m).

Informazioni complementari

Punto di partenza
Punto d`arrivo
Difficoltà / Materiale

In fatto di vista, le montagne della Leventina non devono certo nascondersi. Alcune sono persino punti di osservazione di prim’ordine. Tuttavia, se proprio volessimo eleggerne una vincitrice, probabilmente sarebbe il Pizzo Forno. Grazie alla sua posizione solitaria (non si trova nella catena principale, bensì davanti, su uno spuntone che si erge in alto sopra la valle), regala scorci in profondità, panorami circolari, viste da vicino e da lontano come poche altre vette. Conviene quindi tenere d’occhio le previsioni del tempo per scegliere una giornata secca e limpida, idealmente in autunno.

Punto di passaggio

Passo di Ghiacciaione (2716 m)

Passaggio alpino segnalato dalla Val Piumogna alla Val Chironico. Molto imponente sul lato nord, con enormi blocchi di roccia e detriti di ogni dimensione.

Autore

Marco Volken

Marco Volken è fotografo e giornalista alpino freelance. Ha redatto ovvero contribuito a redigere numerosi volumi sull’arco alpino, tra cui libri illustrati, saggi, guide alle capanne, guide escursionistiche, guide del CAS, guide di sciescursionismo e di alpinismo.

Il nostro consiglio

Locarno-Lugano - 1:50'000

Landeskarten

Locarno-Lugano - 1:50'000

Prezzo CHF 25,00
Prezzo per i soci CHF 22,50
Primo soccorso

Ausbildung

Primo soccorso

Prezzo CHF 36,00
Prezzo per i soci CHF 29,00
Tourenportal Jahres-Abo

Tourenportal Abonnemente

Tourenportal Jahres-Abo

Prezzo CHF 42,00
Bergwandern von Hütte zu Hütte

Hütten

Bergwandern von Hütte zu Hütte

Prezzo CHF 49,00
Prezzo per i soci CHF 39,00
Familienausflüge zu SAC-Hütten

Hütten

Familienausflüge zu SAC-Hütten

Prezzo CHF 49,00
Prezzo per i soci CHF 39,00
SAC-Thermosflasche 0.5l

Outdoor

SAC-Thermosflasche 0.5l

Prezzo CHF 49,00
Prezzo per i soci CHF 43,00
Alpinwandern von Hütte zu Hütte

Hütten

Alpinwandern von Hütte zu Hütte

Prezzo CHF 49,00
Prezzo per i soci CHF 39,00
Feedback