COVID-19

A partire dall’11 maggio, le capanne del CAS riapriranno e le gite di sezione saranno nuovamente possibili. Rimangono tuttavia in vigore delle restrizioni.

Disclaimer

Percorrere itinerari alpini esige una buona condizione, una preparazione seria e conoscenze tecniche nell’ambito dello sport di montagna. Chi percorre un itinerario descritto lo fa sotto la propria responsabilità. Per frequentare in sicurezza la montagna il CAS consiglia una formazione acquisita sotto la guida di esperti. Tutti i contenuti del Portale escursionistico del CAS sono presentati con la massima accuratezza. Il Club Alpino Svizzero CAS e gli autori non possono garantire però in alcun modo sull’attualità, la correttezza e la completezza delle informazioni messe a disposizione. Procedimenti di qualsiasi tipo contro il CAS o gli autori sono esclusi.

Da Sufers per il fianco N (Via normale) Teurihorn 2973 m

  • Difficoltà
    T5
  • Salita
    4–5 h, 1580 m
  • Discesa
    2–3 h, 1580 m

Un gran bel ammasso di detriti!

Se qualcuno vuole avere un vero assaggio delle "Sufner Kalkberge, gli conviene scegliere il Teurihorn. Anche in questo caso però, come d'altra parte lo è per le altre vette tra il Rheinwald e Safien, si malediranno i pendii detritici da superare. Il Teurihorn (più facile rispetto ai suoi vicini!) ci ripagherà comunque con una salita variata e uno sguardo impressionante di oltre 1500 m sulla valle del Reno. E già che si è sul posto, non ci si deve lasciar sfuggire l'occasione di pernottare nella simpatica e accogliente Cufercalhütte. In una gita di due giorni si possono salire cime solitarie come l'Alperschällihorn, il Gelbhorn o lo Schwarzhorn. Molto interessante è pure la traversata in Safiental dove comunque, per raggiungere l'Alperschällilücke, occorre percorrere ancora 300 m di dislivello. Come gita di una giornata questa variante è consigliata solo a escursionisti ben allenati.

Descrizione dell'itinerario

Sufers - Böda P. 2321

Da Sufers seguire il sentiero variato in direzione Alperschälilückä , per Under Steila allo Steileralp fino a "Bödä" poco prima del P. 2321.

Bödä P. 2321 - Teurihorn

Sul ripiano di "Bödä", prima dell'attraversamento del ruscello al P. 2321, si abbandona il sentiero in direzione S (a sinistra) e si sale per detrito e erba nella conca a ovest del Rotä Grind (si può giungere qui direttamente dallo Steileralp seguendo un ripido canale). In direzione del Rotä Grind si raggiunge una dorsale rocciosa che conduce in direzione SW al P. 2697. (La deviazione verso Rotä Grind può essere evitata risalendo a ca. 2570 m per una cengia fino alla dorsale (ometto in sassi)). Dal P. 2697 su detrito in direzione W. Meta è il punto finale a destra (N) di una cengia detritica, che, da in basso a destra verso sinistra porta alla cuspide sommitale. Seguire la cengia ripida sotto l'edificio sommitale. La cresta finale esposta può essere risalita a sinistra (S) su risalti rocciosi (II) oppure a destra (N) con qualche passo di arrampicata (II) lungo la parte finale della cresta NE (passaggio chiave).

Discesa

Si torna a Sufers seguendo l'itinerario di salita.

Variante 1: dalla Cufercalhütte

La salita dalla Cufercalhütte CAS è più breve rispetto a quella da Sufers. Scendere lungo il sentiero a Glattabärg e al P. 2001deviare a destra (NW) per una lunga traversa orizzontale; al P. 2013 si trova la via normale da Sufers.

Variante 2: discesa in Safiental

Tornare al P. 2321 e seguire il sentiero che porta all'Alperschällilücka. Da qui su terreno a tratti ripido scendere in Safiental. Portarsi al bacino di laminazione e quindi proseguire per la fermata del bus a Turhaus P. 1694.

Informazioni complementari

Uscita e punto d`arrivo

Sufers (1410 m)

Tempo

La discesa verso Safien Thalkirch (Turhaus) è più lunga della discesa a Sufers di ca. un'ora e mezza.

Di ca. un'ora più breve se si inizia il giro dalla Cufercalhütte.

Difficoltà / Materiale

A eccezione dei brevi passaggi di arrampicata sulla cuspide sommitale (T5, breve tratto di II. grado) tecnicamente non difficile. In ogni caso l'orientamento dal P. 2321 alla vetta è impegnativo se la visibilità non è ottimale; la miglior via di salita non è sempre evidente.

Il procedere sul detrito è faticoso. Può essere vantaggioso effettuare la gita a inizio estate o in autunno con la neve (alta montagna, prendere ramponi e piccozza).

Punto di passaggio

Cufercalhütte SAC (2385 m)

Stützpunkt etwas abseits der Hauptroute, siehe Variante 1.

Alperschällilücka (2614 m)

Passübergang ins Safiental auf Variante 2.

Thalkirch, Turrahus (1694 m)

Endpunkt der Variante 2.

Autore

Fabian Lippuner

Fabian Lippuner è ingegnere ambientale, capogita e ha scritto per il CAS due guide della serie «Alpinwandern / Gipfelziele». Da vent’anni, si avventura sempre tra rocce, ghiaccio ed erba, Alpi e Giura, in estate come in inverno.

Il nostro consiglio

Kantonshöhepunkte

Alpinwandern Gipfelziele

Kantonshöhepunkte

Prezzo CHF 49,00
Prezzo per i soci CHF 39,00
Gipfelziele Engadin

Alpinwandern Gipfelziele

Gipfelziele Engadin

Prezzo CHF 49,00
Prezzo per i soci CHF 39,00
Mental stark am Berg

Ausbildung

Mental stark am Berg

Prezzo CHF 44,00
Prezzo per i soci CHF 34,00
Tourenportal Jahres-Abo

Tourenportal Abonnemente

Tourenportal Jahres-Abo

Prezzo CHF 42,00
Prezzo per i soci CHF 32,00
Bergwandern von Hütte zu Hütte

Hütten

Bergwandern von Hütte zu Hütte

Prezzo CHF 49,00
Prezzo per i soci CHF 39,00
Familienausflüge zu SAC-Hütten

Hütten

Familienausflüge zu SAC-Hütten

Prezzo CHF 49,00
Prezzo per i soci CHF 39,00
Feedback