Avanti con ardimentosa emozione 100 anni or sono la prima del Denali

Tre dei quattro alpinisti avevano sofferto di crampi allo stomaco per l’intera giornata. Solo il 21enne Walter Harper, per metà indiano atabasco e per metà irlandese, ne era esente. La sera precedente, nel loro ultimo campo, aveva preparato la cena. Perciò si era assunto il compito di fare la traccia e avanzava faticosamente in direzione della vetta del Denali, o Mount McKinley, come la montagna più alta era anche chiamata in onore del 25° presidente degli Stati Uniti, William McKinley.

 

Pionieri e scommettitori

«Davanti a noi, e forse 100 piedi sopra di noi, si estendeva un’altra, stretta cresta […] È questa la vera vetta del Denali […] Con ardimentosa emozione ci lanciamo avanti. Walter, che per tutto il giorno ha guidato l’ascensione, è stato il primo a salire. Un originario dell’Alaska è stato il primo uomo a posare il proprio piede sulla vetta della più grande montagna d’Alaska, e ha realmente meritato questo onore.» Così Hudson Stuck, il capo della spedizione vittoriosa, descrisse il momento in cui i primi uomini avevano raggiunto il Denali. Il 7 giugno 1913 veniva portata a termine la prima scalata della vetta meridionale, con 6194 metri il punto più elevato del continente nordamericano. Oltre a Harper e Stuck, in vetta giunsero anche Harry Karstens, un incallito pioniere dell’Alska, e Robert Tatum, come Stuck missionario della chiesa angli­cana.

Si trattava del sesto tentativo di conquistare la cima più alta del Denali. Nel 1910, motivati da una scommessa fatta in un bar di Fairbanks, Peter Anderson e Billy Taylor, entrambi cercatori d’oro, avevano raggiunto la vetta nord. Frederick A. Cook sosteneva di aver raggiunto la cima già nel 1903, ma le sue testimonianze fotografiche si rivelarono false.

 

Oggi si contano 1500 ascensioni

La prima ascensione, sia della vetta nord, sia della più alta vetta sud, furono eseguite da est lungo il ghiacciaio Muldrow. I primi scalatori giunsero sulla cima lungo la cresta che sale a sinistra del Muldrow, successivamente chiamata Karstens Ridge. Oggi, il Denali, o McKinley, è scalato annualmente da circa 1500 alpinisti, solitamente lungo la West Buttress, percorsa per la prima volta da Bradford Washburn nel 1941.

Non altrettanto alto: l’Olimpo

Pure 100 anni or sono fu scalato per la prima volta l’Olimpo. I primi a posare il piede sulla vetta principale, Mytikas (2918 m), furono Daniel Baud-Bovy, il fotografo Boissonnas e Christos Kakalos. Boissonnas così riferisce in merito alla prima: «Dovemmo superare le creste e le grandi cime senza portatori, che rifiutarono di andare oltre le dorsali tondeggianti dello Skolion, ancora accessibili ai muli. Tremando dalla paura si gettarono in ginocchio recitando preghiere alla panaghia per tutto il tempo che ci videro arrampicare lungo i vertiginosi pendii.»

Altre vette dell’Olimpo sono Skolio (2911 m), Stefani (2909 m, occasionalmente detto anche «Trono di Zeus») e Skala (2866 m). Tra Skala e Mytikas si trova la cresta Kakoskala, una facile arrampicata.

Feedback