Come gli airbag da valanga ci influenzano La propensione al rischio con airbag da valanga

Per saperne di più

Molto movimento al Piet Escursione con le racchette nello Hoch-Ybrig

Per saperne di più

Edizione molto recente 2020/02

Novità per rubriche

Donne e sci: sì, ma...

Il numero di febbraio 1943 di Nos Montagnes, l’organo del Club Alpino Femminile svizzero, è interamente dedicato allo sci. In 24 delle sue 26 pagine, donne e uomini scrivono delle gioie e dei pericoli, della storia e della tecnica dello sci, per metà in tedesco e per metà in francese. Tanto il medico Rudolf Campell, all’epoca presidente centrale del CAS, quanto Madame Hess-Vincent, segretaria della commissione tecnica dell’Associazione svizzera di ginnastica femminile, si esprimono in favore della pratica dello sci sportivo da parte delle signore, ma – per favore – con moderazione: «Praticato in maniera ragionevole, lo sport dello sci è per la donna un esercizio eccellente. La competizione deve rappresentare anche per lei solo un’apparizione transitoria, che non dovrebbe mai diventare fine a se stessa.» La guida alpina e maestro di sci Simon Rähmi propone «spiegazioni del tutto non meccaniche» a quattro disegni esemplificativi «poiché le signore non sono amiche della meccanica dello sci». Elisabeth Borel, della sezione Neuchâtel del CAFS, conclude l’articolo «La jolie saison du ski» con la valutazione: «Gioie dello sci, le migliori tra le migliori, rimarrete indimenticabili e indimenticate.»

Donne e sci: sì, ma...

Il numero di febbraio 1943 di Nos Montagnes, l’organo del Club Alpino Femminile svizzero, è interamente dedicato allo sci. In 24 delle sue 26 pagine, donne e uomini scrivono delle gioie e dei pericoli, della storia e della tecnica dello sci, per metà in tedesco e per metà in francese. Tanto il medico Rudolf Campell, all’epoca presidente centrale del CAS, quanto Madame Hess-Vincent, segretaria della commissione tecnica dell’Associazione svizzera di ginnastica femminile, si esprimono in favore della pratica dello sci sportivo da parte delle signore, ma – per favore – con moderazione: «Praticato in maniera ragionevole, lo sport dello sci è per la donna un esercizio eccellente. La competizione deve rappresentare anche per lei solo un’apparizione transitoria, che non dovrebbe mai diventare fine a se stessa.» La guida alpina e maestro di sci Simon Rähmi propone «spiegazioni del tutto non meccaniche» a quattro disegni esemplificativi «poiché le signore non sono amiche della meccanica dello sci». Elisabeth Borel, della sezione Neuchâtel del CAFS, conclude l’articolo «La jolie saison du ski» con la valutazione: «Gioie dello sci, le migliori tra le migliori, rimarrete indimenticabili e indimenticate.»

Donne e sci: sì, ma...

Il numero di febbraio 1943 di Nos Montagnes, l’organo del Club Alpino Femminile svizzero, è interamente dedicato allo sci. In 24 delle sue 26 pagine, donne e uomini scrivono delle gioie e dei pericoli, della storia e della tecnica dello sci, per metà in tedesco e per metà in francese. Tanto il medico Rudolf Campell, all’epoca presidente centrale del CAS, quanto Madame Hess-Vincent, segretaria della commissione tecnica dell’Associazione svizzera di ginnastica femminile, si esprimono in favore della pratica dello sci sportivo da parte delle signore, ma – per favore – con moderazione: «Praticato in maniera ragionevole, lo sport dello sci è per la donna un esercizio eccellente. La competizione deve rappresentare anche per lei solo un’apparizione transitoria, che non dovrebbe mai diventare fine a se stessa.» La guida alpina e maestro di sci Simon Rähmi propone «spiegazioni del tutto non meccaniche» a quattro disegni esemplificativi «poiché le signore non sono amiche della meccanica dello sci». Elisabeth Borel, della sezione Neuchâtel del CAFS, conclude l’articolo «La jolie saison du ski» con la valutazione: «Gioie dello sci, le migliori tra le migliori, rimarrete indimenticabili e indimenticate.»

Donne e sci: sì, ma...

Il numero di febbraio 1943 di Nos Montagnes, l’organo del Club Alpino Femminile svizzero, è interamente dedicato allo sci. In 24 delle sue 26 pagine, donne e uomini scrivono delle gioie e dei pericoli, della storia e della tecnica dello sci, per metà in tedesco e per metà in francese. Tanto il medico Rudolf Campell, all’epoca presidente centrale del CAS, quanto Madame Hess-Vincent, segretaria della commissione tecnica dell’Associazione svizzera di ginnastica femminile, si esprimono in favore della pratica dello sci sportivo da parte delle signore, ma – per favore – con moderazione: «Praticato in maniera ragionevole, lo sport dello sci è per la donna un esercizio eccellente. La competizione deve rappresentare anche per lei solo un’apparizione transitoria, che non dovrebbe mai diventare fine a se stessa.» La guida alpina e maestro di sci Simon Rähmi propone «spiegazioni del tutto non meccaniche» a quattro disegni esemplificativi «poiché le signore non sono amiche della meccanica dello sci». Elisabeth Borel, della sezione Neuchâtel del CAFS, conclude l’articolo «La jolie saison du ski» con la valutazione: «Gioie dello sci, le migliori tra le migliori, rimarrete indimenticabili e indimenticate.»

Donne e sci: sì, ma...

Il numero di febbraio 1943 di Nos Montagnes, l’organo del Club Alpino Femminile svizzero, è interamente dedicato allo sci. In 24 delle sue 26 pagine, donne e uomini scrivono delle gioie e dei pericoli, della storia e della tecnica dello sci, per metà in tedesco e per metà in francese. Tanto il medico Rudolf Campell, all’epoca presidente centrale del CAS, quanto Madame Hess-Vincent, segretaria della commissione tecnica dell’Associazione svizzera di ginnastica femminile, si esprimono in favore della pratica dello sci sportivo da parte delle signore, ma – per favore – con moderazione: «Praticato in maniera ragionevole, lo sport dello sci è per la donna un esercizio eccellente. La competizione deve rappresentare anche per lei solo un’apparizione transitoria, che non dovrebbe mai diventare fine a se stessa.» La guida alpina e maestro di sci Simon Rähmi propone «spiegazioni del tutto non meccaniche» a quattro disegni esemplificativi «poiché le signore non sono amiche della meccanica dello sci». Elisabeth Borel, della sezione Neuchâtel del CAFS, conclude l’articolo «La jolie saison du ski» con la valutazione: «Gioie dello sci, le migliori tra le migliori, rimarrete indimenticabili e indimenticate.»

Donne e sci: sì, ma...

Il numero di febbraio 1943 di Nos Montagnes, l’organo del Club Alpino Femminile svizzero, è interamente dedicato allo sci. In 24 delle sue 26 pagine, donne e uomini scrivono delle gioie e dei pericoli, della storia e della tecnica dello sci, per metà in tedesco e per metà in francese. Tanto il medico Rudolf Campell, all’epoca presidente centrale del CAS, quanto Madame Hess-Vincent, segretaria della commissione tecnica dell’Associazione svizzera di ginnastica femminile, si esprimono in favore della pratica dello sci sportivo da parte delle signore, ma – per favore – con moderazione: «Praticato in maniera ragionevole, lo sport dello sci è per la donna un esercizio eccellente. La competizione deve rappresentare anche per lei solo un’apparizione transitoria, che non dovrebbe mai diventare fine a se stessa.» La guida alpina e maestro di sci Simon Rähmi propone «spiegazioni del tutto non meccaniche» a quattro disegni esemplificativi «poiché le signore non sono amiche della meccanica dello sci». Elisabeth Borel, della sezione Neuchâtel del CAFS, conclude l’articolo «La jolie saison du ski» con la valutazione: «Gioie dello sci, le migliori tra le migliori, rimarrete indimenticabili e indimenticate.»

La montagne di Caio Cartoon

La redazione raccommanda

Una cresta dal sapore himalayano
Una cresta dal sapore himalayano

Una cresta dal sapore himalayano

La cresta che collega la Capanna Resegotti alla Punta Gnifetti, nel massiccio del Monte Rosa, offre un superbo itinerario misto – per non parlare di grande ampiezza e vedute a volontà sulla gigantesca parete di Macugnaga.
Leggere l`articolo
Meteosciamani 2.0
Meteosciamani 2.0

Meteosciamani 2.0

Una previsione meteorologica affidabile è fondamentale per la riuscita delle gite in montagna, e grazie a smartphone e app, oggi il bollettino meteo è sempre disponibile. Le app meteorologiche degli offerenti più diversi sono molte e con prezzi pure diversi. Ma quale dà le migliori previsioni?
Leggere l`articolo
La luce più bella
La luce più bella

La luce più bella

Nei lunghi avvicinamenti prima dell’alba, nelle gite con gli sci del fine settimana o per studiare la carta al riparo della tenda sono imprescindibili: le lampade frontali. Outdoor Content Hub ha sottoposto a illuminazione intensiva dieci di loro in laboratorio e sul campo.
Leggere l`articolo

Sapere di più

FAQ
FAQ

FAQ

Ulteriori informazioni
Feedback