Il riscaldamento climatico è opera dell’uomo

In merito alla lettera Il riscaldamento climatico è un processo del tutto naturale, in «Le Alpi» 02/2020

Desidero prendere posizione in merito alla lettera di Gotthard Kaufmann. Di recente, Eri Amsler, del Centro di ricerca sul clima Oeschger dell’Università di Berna, ha tenuto un’appassionante conferenza presso la Società di scienze naturali di Basilea Campagna, intitolata «Cicli freddi e caldi nella storia della Terra».

Circa 56 milioni di anni fa c’è stato il piccodi temperature del Paleocene-Esocene. Allora, nell’arco di circa 4000 anni, a seguito di un massiccio aumento della CO2, la temperatura globale era aumentata di 5-8 °C. Negli ultimi 400 000 anni, la concentrazione di CO2 ha oscillato costantemente tra 170 ppm e 280 ppm. Durante i periodi caldi, tale concentrazione era sempre più elevata. Nel brevissimo intervallo di tempo tra l’inizio dell’industrializzazione, alla metà del XIX secolo, ad oggi, il suo valore è aumentato globalmente a 400 ppm! Bisogna davvero essere ingenui per credere che questo aumento della CO2 non avrà alcuna conseguenza.

Feedback