La strategia energetica indebolisce la tutela del paesaggio | Club Alpino Svizzero CAS

La strategia energetica indebolisce la tutela del paesaggio La nuova legge ammette gli impianti in zone protette

Sino ad ora, in Svizzera, paesaggi e monumenti naturali erano rigorosamente protetti. Ma l’applicazione della Strategia energetica 2050 sta per cambiare le cose.

Lo scorso anno, popolo e cantoni hanno approvato la nuova legge sull’energia, e a inizio anno è entrata in vigore la relativa ordinanza. Ora è chiaro: la Strategia energetica 2050 è destinata a indebolire fortemente la tutela dei paesaggi e dei monumenti naturali di importanza nazionale (IFP). Infatti, da ora in poi saranno di importanza nazionale le centrali idriche ed eoliche in grado di generare annualmente più di 20 GWh di energie rinnovabili. Questo significa che la costruzione di simili impianti non sarà più esclusa, come lo è stata sinora, nelle zone protette. E questo neppure qualora gli obiettivi di tutela delle zone IFP venissero fortemente pregiudicati: anche in questi casi, spetterebbe all’autorità di stabilire se far prevalere l’interesse della tutela o la generazione di elettricità.

Il valore soglia di 20 GWh annui è in tal senso molto basso. Corrisponde appena a un tremillesimo dell’elettricità attualmente prodotta in Svizzera. Con questo, a essere realizzabili non sono solo singoli progetti significativi per la produzione nazionale di elettricità, ma anche molti più piccoli: 20 GWh corrispondono al rendimento annuo di circa quattro generatori eolici. Il business dell’elettricità sovvenzionata potrebbe ora trasformarsi in una minaccia per gli ultimi paesaggi intatti del paese.

Preoccupazione per il clima

Anche il CAS si china sulla nuova situazione. Nei confronti delle zone IFP, esso si situa in una posizione particolare. Per decenni il CAS si è impegnato in favore della tutela dei paesaggi originali e fondanti per l’identità svizzera. L’inventario delle zone IFP va ampiamente ascritto anche all’impegno del CAS, che per decenni è stato attivo in seno alla Commissione per l’inventario dei paesaggi e dei monumenti naturali svizzeri di importanza nazionale e, grazie al diritto di ricorso delle organizzazioni, ha potuto presentarsi come avvocato difensore delle zone IFP. A fronte dello scioglimento dei ghiacciai, nel frattempo anche la «tutela del clima» è diventata una preoccupazione per l’associazione, e questo anche se la politica energetica svizzera ha ben poca influenza sulla sparizione dei ghiacci eterni.

Occorre efficienza

«Non possiamo né vogliamo escluderci dalla svolta energetica», così Benno Steiner, collaboratore specializzato in tutela del paesaggio presso il CAS. Spiega la posizione dell’associazione centrale. In casi eccezionali, certe concessioni sarebbero necessarie anche sulla tutela del paesaggio.

Cosa questo significhi bene lo illustra il progetto di una grande diga nella conca del Trift, nell’Oberland bernese, esclusa dalla tutela dell’IFP. Il progetto è stato seguito dal CAS, che a conti fatti lo può pure approvare, spiega Benno Steiner. L’opera potrebbe fornire un contributo reale al futuro approvvigionamento energetico, e in relazione agli interventi sono previste numerose misure di accompagnamento. Questo non significa tuttavia che, da ora in poi, il CAS dia la sua benedizione a ogni grande progetto nelle Alpi.

Le nuove centrali dovrebbero essere pianificate in termini interregionali e rispettosi del paesaggio. In tal senso, gli impianti andrebbero innanzitutto concentrati in luoghi «caratterizzati da elevata efficienza, poca conflittualità e già sufficientemente sfruttati, e non in zone protette», afferma Steiner, che fa riferimento alla direttiva CAS sull’ambiente e la pianificazione territoriale. «Inoltre, chiediamo che il risparmio di energia e l’efficienza energetica vengano promosse in maniera coerente, il che rispetta il paesaggio.»

Una cosa è chiara: non sempre è possibile coniugare tutela del paesaggio e del clima. Anche in seno al CAS, le opinioni in fatto di priorità sono divergenti: si prevedono discussioni.

Feedback