nuova via nella parete sud dell’Alphubel

La parete sud dell’Alphubel (4206 m) conta una nuova via. L’hanno aperta il 16 gennaio 2020, in quattro ore e mezza, Thomas Grichting e Rino Amacker. La via è perfetta per una soleggiata giornata invernale, ma è sconsigliata d’estate a causa del pericolo di franamenti. Per la gran parte di arrampica in livelli da III a IV, ma singoli passaggi raggiungono il V-. Qua e là, la roccia è friabile e alcuni passaggi su neve e ghiaccio, soprattutto nella parte inferiore della parete, d’inverno richiedono i ramponi. Per l’assicurazione bastano friend e cunei. Non vi sono soste. L’attacco si situa nella linea di caduta dalla vetta, e perciò a sinistra della vecchia via della parete sud, che partendo da un ghiacciaio sospeso su una costola evidente immette nella parete, la cui altezza è di circa 680 metri. Se ne scala la totalità grosso modo lungo la linea di caduta.

Autore

Hermann Biner

Hermann Biner, guida alpina dal 1974, ha operato per 20 anni nella formazione di guide alpine, ricoprendo la carica di presidente dell’Associazione svizzera e internazionale delle guide di montagna, delle quali è socio. Nel 1995, ha redatto la prima guida con itinerari scelti sulle Alpi vallesane.

Feedback