Come gli airbag da valanga ci influenzano La propensione al rischio con airbag da valanga

Per saperne di più

Molto movimento al Piet Escursione con le racchette nello Hoch-Ybrig

Per saperne di più

Edizione molto recente 2020/02

Novità per rubriche

Un metro più su, mille metri più in là Se la taiga si invita nelle nostre montagne

Avete mai notato come la favolosa, l’immensa taiga – nientedimeno che tre volte l’Amazzonia! – sembra aver scelto per le sue vacanze le nostre montagne e non averle più lasciate?

È l’impressione che ad ogni modo si ricava quando, volendole scalare, si percorrono le fitte foreste di conifere, che molti biogeografi definiscono «stadio subalpino inferiore». Sebbene si compongano di specie spesso diverse, queste formazioni vegetali sono entrambe dominate da alberi resinosi dall’aspetto di colonne e disseminate di latifoglie contorsioniste.

Venerabili conifere

Alberi impressionanti e incredibilmente resistenti, le conifere sono presenti sul nostro pianeta da 300 milioni di anni. Per la cronaca, ricordiamo che, su scala mondiale, le conifere occupano i primi posti quanto a longevità e dimensioni. Il venerabile abete rosso svedese Old Tjikko ha alle spalle grosso modo 10 000 anni, talune sequoie raggiungono i 115 metri di altezza e un cipresso messicano vanta l’invidiabile giro vita di 36 metri… Per quanto concerne l’emisfero nord, pini, abeti, larici e abeti rossi sono i meglio qualificati per resistere al freddo, alla siccità, alle nevicate abbondanti, alla prolungata assenza di luce e alla carenza di ossigeno. Quando ci si avvicina alle latitudini e alle quote elevate, sono d’altro canto le ultime specie arboree prima di penetrare nella tundra.

All’occhio del geografo, questi insediamenti vegetali sono disposti in cinture. La prima fa il giro della parte emersa dell’emisfero nord più o meno attorno al 60o parallelo e si distribuisce su parecchie centinaia di chilometri. La seconda corona le Alpi tra i 1200 e i 1600 metri di altitudine nei versanti settentrionali e tra i 1600 e i 2000 metri in quelli esposti a meridione.

Fattore 1000

Da tempo ormai, l’uomo si è accorto che la vegetazione varia in modo piuttosto simile lungo un meridiano e lungo il versante di una montagna. Il botanico Ellenberg ha addirittura fatto osservare come un metro di dislivello abbia sulle piante effetti paragonabili a un chilometro di spostamento in direzione nord-sud. Questo «fattore 1000» spiega non soltanto la stupefacente diversità delle catene di montagne, ma evidenzia anche la straordinaria fragilità dei diversi stadi di vegetazione.

La nostra «taiga alpina» è magica, e ci fa sognare altrettanti Grandi Nord. Ci sussurra per esempio le avventure boreali di Dersu Uzala, l’eroe dell’omonimo film di Akira Kurosawa. Questo incredibile sciamano, interprete del visibile come dell’invisibile, vive in comunione con il proprio ambiente. Rispettoso dei fiori e delle cose mute, non mancherà senz’altro di invitarci a far tesoro della fragilità della nostra montagna.

Un metro più su, mille metri più in là Se la taiga si invita nelle nostre montagne

Avete mai notato come la favolosa, l’immensa taiga – nientedimeno che tre volte l’Amazzonia! – sembra aver scelto per le sue vacanze le nostre montagne e non averle più lasciate?

È l’impressione che ad ogni modo si ricava quando, volendole scalare, si percorrono le fitte foreste di conifere, che molti biogeografi definiscono «stadio subalpino inferiore». Sebbene si compongano di specie spesso diverse, queste formazioni vegetali sono entrambe dominate da alberi resinosi dall’aspetto di colonne e disseminate di latifoglie contorsioniste.

Venerabili conifere

Alberi impressionanti e incredibilmente resistenti, le conifere sono presenti sul nostro pianeta da 300 milioni di anni. Per la cronaca, ricordiamo che, su scala mondiale, le conifere occupano i primi posti quanto a longevità e dimensioni. Il venerabile abete rosso svedese Old Tjikko ha alle spalle grosso modo 10 000 anni, talune sequoie raggiungono i 115 metri di altezza e un cipresso messicano vanta l’invidiabile giro vita di 36 metri… Per quanto concerne l’emisfero nord, pini, abeti, larici e abeti rossi sono i meglio qualificati per resistere al freddo, alla siccità, alle nevicate abbondanti, alla prolungata assenza di luce e alla carenza di ossigeno. Quando ci si avvicina alle latitudini e alle quote elevate, sono d’altro canto le ultime specie arboree prima di penetrare nella tundra.

All’occhio del geografo, questi insediamenti vegetali sono disposti in cinture. La prima fa il giro della parte emersa dell’emisfero nord più o meno attorno al 60o parallelo e si distribuisce su parecchie centinaia di chilometri. La seconda corona le Alpi tra i 1200 e i 1600 metri di altitudine nei versanti settentrionali e tra i 1600 e i 2000 metri in quelli esposti a meridione.

Fattore 1000

Da tempo ormai, l’uomo si è accorto che la vegetazione varia in modo piuttosto simile lungo un meridiano e lungo il versante di una montagna. Il botanico Ellenberg ha addirittura fatto osservare come un metro di dislivello abbia sulle piante effetti paragonabili a un chilometro di spostamento in direzione nord-sud. Questo «fattore 1000» spiega non soltanto la stupefacente diversità delle catene di montagne, ma evidenzia anche la straordinaria fragilità dei diversi stadi di vegetazione.

La nostra «taiga alpina» è magica, e ci fa sognare altrettanti Grandi Nord. Ci sussurra per esempio le avventure boreali di Dersu Uzala, l’eroe dell’omonimo film di Akira Kurosawa. Questo incredibile sciamano, interprete del visibile come dell’invisibile, vive in comunione con il proprio ambiente. Rispettoso dei fiori e delle cose mute, non mancherà senz’altro di invitarci a far tesoro della fragilità della nostra montagna.

Un metro più su, mille metri più in là Se la taiga si invita nelle nostre montagne

Avete mai notato come la favolosa, l’immensa taiga – nientedimeno che tre volte l’Amazzonia! – sembra aver scelto per le sue vacanze le nostre montagne e non averle più lasciate?

È l’impressione che ad ogni modo si ricava quando, volendole scalare, si percorrono le fitte foreste di conifere, che molti biogeografi definiscono «stadio subalpino inferiore». Sebbene si compongano di specie spesso diverse, queste formazioni vegetali sono entrambe dominate da alberi resinosi dall’aspetto di colonne e disseminate di latifoglie contorsioniste.

Venerabili conifere

Alberi impressionanti e incredibilmente resistenti, le conifere sono presenti sul nostro pianeta da 300 milioni di anni. Per la cronaca, ricordiamo che, su scala mondiale, le conifere occupano i primi posti quanto a longevità e dimensioni. Il venerabile abete rosso svedese Old Tjikko ha alle spalle grosso modo 10 000 anni, talune sequoie raggiungono i 115 metri di altezza e un cipresso messicano vanta l’invidiabile giro vita di 36 metri… Per quanto concerne l’emisfero nord, pini, abeti, larici e abeti rossi sono i meglio qualificati per resistere al freddo, alla siccità, alle nevicate abbondanti, alla prolungata assenza di luce e alla carenza di ossigeno. Quando ci si avvicina alle latitudini e alle quote elevate, sono d’altro canto le ultime specie arboree prima di penetrare nella tundra.

All’occhio del geografo, questi insediamenti vegetali sono disposti in cinture. La prima fa il giro della parte emersa dell’emisfero nord più o meno attorno al 60o parallelo e si distribuisce su parecchie centinaia di chilometri. La seconda corona le Alpi tra i 1200 e i 1600 metri di altitudine nei versanti settentrionali e tra i 1600 e i 2000 metri in quelli esposti a meridione.

Fattore 1000

Da tempo ormai, l’uomo si è accorto che la vegetazione varia in modo piuttosto simile lungo un meridiano e lungo il versante di una montagna. Il botanico Ellenberg ha addirittura fatto osservare come un metro di dislivello abbia sulle piante effetti paragonabili a un chilometro di spostamento in direzione nord-sud. Questo «fattore 1000» spiega non soltanto la stupefacente diversità delle catene di montagne, ma evidenzia anche la straordinaria fragilità dei diversi stadi di vegetazione.

La nostra «taiga alpina» è magica, e ci fa sognare altrettanti Grandi Nord. Ci sussurra per esempio le avventure boreali di Dersu Uzala, l’eroe dell’omonimo film di Akira Kurosawa. Questo incredibile sciamano, interprete del visibile come dell’invisibile, vive in comunione con il proprio ambiente. Rispettoso dei fiori e delle cose mute, non mancherà senz’altro di invitarci a far tesoro della fragilità della nostra montagna.

Un metro più su, mille metri più in là Se la taiga si invita nelle nostre montagne

Avete mai notato come la favolosa, l’immensa taiga – nientedimeno che tre volte l’Amazzonia! – sembra aver scelto per le sue vacanze le nostre montagne e non averle più lasciate?

È l’impressione che ad ogni modo si ricava quando, volendole scalare, si percorrono le fitte foreste di conifere, che molti biogeografi definiscono «stadio subalpino inferiore». Sebbene si compongano di specie spesso diverse, queste formazioni vegetali sono entrambe dominate da alberi resinosi dall’aspetto di colonne e disseminate di latifoglie contorsioniste.

Venerabili conifere

Alberi impressionanti e incredibilmente resistenti, le conifere sono presenti sul nostro pianeta da 300 milioni di anni. Per la cronaca, ricordiamo che, su scala mondiale, le conifere occupano i primi posti quanto a longevità e dimensioni. Il venerabile abete rosso svedese Old Tjikko ha alle spalle grosso modo 10 000 anni, talune sequoie raggiungono i 115 metri di altezza e un cipresso messicano vanta l’invidiabile giro vita di 36 metri… Per quanto concerne l’emisfero nord, pini, abeti, larici e abeti rossi sono i meglio qualificati per resistere al freddo, alla siccità, alle nevicate abbondanti, alla prolungata assenza di luce e alla carenza di ossigeno. Quando ci si avvicina alle latitudini e alle quote elevate, sono d’altro canto le ultime specie arboree prima di penetrare nella tundra.

All’occhio del geografo, questi insediamenti vegetali sono disposti in cinture. La prima fa il giro della parte emersa dell’emisfero nord più o meno attorno al 60o parallelo e si distribuisce su parecchie centinaia di chilometri. La seconda corona le Alpi tra i 1200 e i 1600 metri di altitudine nei versanti settentrionali e tra i 1600 e i 2000 metri in quelli esposti a meridione.

Fattore 1000

Da tempo ormai, l’uomo si è accorto che la vegetazione varia in modo piuttosto simile lungo un meridiano e lungo il versante di una montagna. Il botanico Ellenberg ha addirittura fatto osservare come un metro di dislivello abbia sulle piante effetti paragonabili a un chilometro di spostamento in direzione nord-sud. Questo «fattore 1000» spiega non soltanto la stupefacente diversità delle catene di montagne, ma evidenzia anche la straordinaria fragilità dei diversi stadi di vegetazione.

La nostra «taiga alpina» è magica, e ci fa sognare altrettanti Grandi Nord. Ci sussurra per esempio le avventure boreali di Dersu Uzala, l’eroe dell’omonimo film di Akira Kurosawa. Questo incredibile sciamano, interprete del visibile come dell’invisibile, vive in comunione con il proprio ambiente. Rispettoso dei fiori e delle cose mute, non mancherà senz’altro di invitarci a far tesoro della fragilità della nostra montagna.

Un metro più su, mille metri più in là Se la taiga si invita nelle nostre montagne

Avete mai notato come la favolosa, l’immensa taiga – nientedimeno che tre volte l’Amazzonia! – sembra aver scelto per le sue vacanze le nostre montagne e non averle più lasciate?

È l’impressione che ad ogni modo si ricava quando, volendole scalare, si percorrono le fitte foreste di conifere, che molti biogeografi definiscono «stadio subalpino inferiore». Sebbene si compongano di specie spesso diverse, queste formazioni vegetali sono entrambe dominate da alberi resinosi dall’aspetto di colonne e disseminate di latifoglie contorsioniste.

Venerabili conifere

Alberi impressionanti e incredibilmente resistenti, le conifere sono presenti sul nostro pianeta da 300 milioni di anni. Per la cronaca, ricordiamo che, su scala mondiale, le conifere occupano i primi posti quanto a longevità e dimensioni. Il venerabile abete rosso svedese Old Tjikko ha alle spalle grosso modo 10 000 anni, talune sequoie raggiungono i 115 metri di altezza e un cipresso messicano vanta l’invidiabile giro vita di 36 metri… Per quanto concerne l’emisfero nord, pini, abeti, larici e abeti rossi sono i meglio qualificati per resistere al freddo, alla siccità, alle nevicate abbondanti, alla prolungata assenza di luce e alla carenza di ossigeno. Quando ci si avvicina alle latitudini e alle quote elevate, sono d’altro canto le ultime specie arboree prima di penetrare nella tundra.

All’occhio del geografo, questi insediamenti vegetali sono disposti in cinture. La prima fa il giro della parte emersa dell’emisfero nord più o meno attorno al 60o parallelo e si distribuisce su parecchie centinaia di chilometri. La seconda corona le Alpi tra i 1200 e i 1600 metri di altitudine nei versanti settentrionali e tra i 1600 e i 2000 metri in quelli esposti a meridione.

Fattore 1000

Da tempo ormai, l’uomo si è accorto che la vegetazione varia in modo piuttosto simile lungo un meridiano e lungo il versante di una montagna. Il botanico Ellenberg ha addirittura fatto osservare come un metro di dislivello abbia sulle piante effetti paragonabili a un chilometro di spostamento in direzione nord-sud. Questo «fattore 1000» spiega non soltanto la stupefacente diversità delle catene di montagne, ma evidenzia anche la straordinaria fragilità dei diversi stadi di vegetazione.

La nostra «taiga alpina» è magica, e ci fa sognare altrettanti Grandi Nord. Ci sussurra per esempio le avventure boreali di Dersu Uzala, l’eroe dell’omonimo film di Akira Kurosawa. Questo incredibile sciamano, interprete del visibile come dell’invisibile, vive in comunione con il proprio ambiente. Rispettoso dei fiori e delle cose mute, non mancherà senz’altro di invitarci a far tesoro della fragilità della nostra montagna.

Un metro più su, mille metri più in là Se la taiga si invita nelle nostre montagne

Avete mai notato come la favolosa, l’immensa taiga – nientedimeno che tre volte l’Amazzonia! – sembra aver scelto per le sue vacanze le nostre montagne e non averle più lasciate?

È l’impressione che ad ogni modo si ricava quando, volendole scalare, si percorrono le fitte foreste di conifere, che molti biogeografi definiscono «stadio subalpino inferiore». Sebbene si compongano di specie spesso diverse, queste formazioni vegetali sono entrambe dominate da alberi resinosi dall’aspetto di colonne e disseminate di latifoglie contorsioniste.

Venerabili conifere

Alberi impressionanti e incredibilmente resistenti, le conifere sono presenti sul nostro pianeta da 300 milioni di anni. Per la cronaca, ricordiamo che, su scala mondiale, le conifere occupano i primi posti quanto a longevità e dimensioni. Il venerabile abete rosso svedese Old Tjikko ha alle spalle grosso modo 10 000 anni, talune sequoie raggiungono i 115 metri di altezza e un cipresso messicano vanta l’invidiabile giro vita di 36 metri… Per quanto concerne l’emisfero nord, pini, abeti, larici e abeti rossi sono i meglio qualificati per resistere al freddo, alla siccità, alle nevicate abbondanti, alla prolungata assenza di luce e alla carenza di ossigeno. Quando ci si avvicina alle latitudini e alle quote elevate, sono d’altro canto le ultime specie arboree prima di penetrare nella tundra.

All’occhio del geografo, questi insediamenti vegetali sono disposti in cinture. La prima fa il giro della parte emersa dell’emisfero nord più o meno attorno al 60o parallelo e si distribuisce su parecchie centinaia di chilometri. La seconda corona le Alpi tra i 1200 e i 1600 metri di altitudine nei versanti settentrionali e tra i 1600 e i 2000 metri in quelli esposti a meridione.

Fattore 1000

Da tempo ormai, l’uomo si è accorto che la vegetazione varia in modo piuttosto simile lungo un meridiano e lungo il versante di una montagna. Il botanico Ellenberg ha addirittura fatto osservare come un metro di dislivello abbia sulle piante effetti paragonabili a un chilometro di spostamento in direzione nord-sud. Questo «fattore 1000» spiega non soltanto la stupefacente diversità delle catene di montagne, ma evidenzia anche la straordinaria fragilità dei diversi stadi di vegetazione.

La nostra «taiga alpina» è magica, e ci fa sognare altrettanti Grandi Nord. Ci sussurra per esempio le avventure boreali di Dersu Uzala, l’eroe dell’omonimo film di Akira Kurosawa. Questo incredibile sciamano, interprete del visibile come dell’invisibile, vive in comunione con il proprio ambiente. Rispettoso dei fiori e delle cose mute, non mancherà senz’altro di invitarci a far tesoro della fragilità della nostra montagna.

La montagne di Caio Cartoon

La redazione raccommanda

Una cresta dal sapore himalayano
Una cresta dal sapore himalayano

Una cresta dal sapore himalayano

La cresta che collega la Capanna Resegotti alla Punta Gnifetti, nel massiccio del Monte Rosa, offre un superbo itinerario misto – per non parlare di grande ampiezza e vedute a volontà sulla gigantesca parete di Macugnaga.
Leggere l`articolo
Meteosciamani 2.0
Meteosciamani 2.0

Meteosciamani 2.0

Una previsione meteorologica affidabile è fondamentale per la riuscita delle gite in montagna, e grazie a smartphone e app, oggi il bollettino meteo è sempre disponibile. Le app meteorologiche degli offerenti più diversi sono molte e con prezzi pure diversi. Ma quale dà le migliori previsioni?
Leggere l`articolo
La luce più bella
La luce più bella

La luce più bella

Nei lunghi avvicinamenti prima dell’alba, nelle gite con gli sci del fine settimana o per studiare la carta al riparo della tenda sono imprescindibili: le lampade frontali. Outdoor Content Hub ha sottoposto a illuminazione intensiva dieci di loro in laboratorio e sul campo.
Leggere l`articolo

Sapere di più

FAQ
FAQ

FAQ

Ulteriori informazioni
Feedback