51 risultati

Articoli "Le Alpi" (51)

Ordina per
Jungfrau

Jungfrau

La Jungfrau (4158 m), la terza montagna più alta delle Alpi bernesi, forma assieme all’Eiger e al Mönch una famosa triade che attrae ogni anno milioni di visitatori. A lungo è stata ritenuta la montag
Il satellite documenTa una quantità di valanghe

Il satellite documenTa una quantità di valanghe

Solitamente, le informazioni sulle valanghe cadute provengono da singoli osservatori o da ricognizioni in elicottero. Secondo un suo comunicato, l’Istituto per lo studio della neve e delle valanghe (S
Trnič – il formaggio acido dei pastori sloveni innamorati

Trnič – il formaggio acido dei pastori sloveni innamorati

Un tempo, i casari di montagna facevano il formaggio senza caglio. Questo antico prodotto è praticamente scomparso dallo spazio alpino. Ma su un altopiano sloveno, il cosiddetto trnič viene tutt’ora p
Donne e sci: sì, ma...

Donne e sci: sì, ma...

Il numero di febbraio 1943 di Nos Montagnes, l’organo del Club Alpino Femminile svizzero, è interamente dedicato allo sci. In 24 delle sue 26 pagine, donne e uomini scrivono delle gioie e dei pericoli
«La discesa a valle è un piacere»

«La discesa a valle è un piacere»

L’ 8 gennaio 1893 , Christof Iselin e Jacques Jenny, della sezione CAS Tödi, mostrarono ciò che in montagna si poteva fare con gli sci. Con quegli attrezzi allora ancora praticamente sconosciuti nell’
La tenace et la martire - Genziana bavarese e genziana delle nevi

La tenace et la martire - Genziana bavarese e genziana delle nevi

Avete mai notato come d’inverno sia rigorosamente impossibile distinguere la genziana bavarese dalla genziana delle nevi? In effetti, in quella stagione sono entrambe invisibili! La prima è ricoperta
Prezzo ridotto grazie al fratello nel CAS

Prezzo ridotto grazie al fratello nel CAS

Nell’inverno 1919-1920, al pari di molte altre associazioni nel periodo tra le due guerre, la sezione CAS di Berna affittò per la prima volta un alpeggio per sciare. Era situato a metà strada tra la s
«I gipeti simboleggiano gli ultimi spazi selvaggi delle Alpi» - Il ritorno del gipeto barbuto

«I gipeti simboleggiano gli ultimi spazi selvaggi delle Alpi» - Il ritorno del gipeto barbuto

La reintroduzione del gipeto barbuto nelle Alpi è una storia di successo, testimoniata dalle numerose nascite in natura. Ora, la cosa importante è preservarne l’habitat. Facciamo visita a un giovane e
«Allora le montagne non sarebbero più selvagge» - Campagna di misurazioni e di studio dei pericoli naturali

«Allora le montagne non sarebbero più selvagge» - Campagna di misurazioni e di studio dei pericoli naturali

Da dieci anni, una rete senza fili di sensori sulla Hörnligrat del Cervino fornisce serie ininterrotte di dati sullo stato della roccia, del permafrost e del clima dominante. Jan Beutel, responsabile
Alla deriva nell’oceano artico

Alla deriva nell’oceano artico

In settembre, il rompighiaccio scientifico tedesco «Polarstern» è partito per una spedizione unica: la nave si ormeggerà a un lastrone di ghiaccio e, circondata dai ghiacci, andrà alla deriva per pare
Penna, pennello e piccozza

Penna, pennello e piccozza

Nell’autunno 1943, l’organo del Club Alpino Svizzero Femminile (CASF) Nos Montagnes presenta per ben due volte il volume Pinceaux et piolet: autobiographie anecdotique , della sua collaboratrice Clara
Un metro più su, mille metri più in là - Se la taiga si invita nelle nostre montagne

Un metro più su, mille metri più in là - Se la taiga si invita nelle nostre montagne

Avete mai notato come la favolosa, l’immensa taiga – nientedimeno che tre volte l’Amazzonia! – sembra aver scelto per le sue vacanze le nostre montagne e non averle più lasciate? È l’impressione che a
Sfogliando vecchi libri

Sfogliando vecchi libri

Gli storici dell’alpinismo sfogliano volentieri libri particolari, che li avvicinano a eventi e persone. Come ad esempio il Carnet de Courses e il Livret de Guide dell’alpinista, guida di montagna ed
Ossi d’alce rinvenuti in una grotta

Ossi d’alce rinvenuti in una grotta

Nell’autunno 2018, alcuni speleologi bernesi hanno rinvenuto degli ossi d’alce in una grotta sopra Habkern. In collaborazione con l’Università di Neuchâtel ne hanno poi stabilito l’origine e l’età: i
Valle Bavona

Valle Bavona

Soave partenza! Monti violacei, nel sol vespertino, innanzi ai miei occhi! Pizzo Ruscada, ritto sempre alle mie spalle, triangolo immane, colonna estrema del mondo! Un vento errante mi sfiora la front
Signora delle pareti ghiacciate

Signora delle pareti ghiacciate

Negli anni 1950 erano specialisti delle (prime) salite e discese lungo pareti ghiacciate: i coniugi neocastellani Rose (1913 - anni 1990) e Adrien Voillat (1916-1959). I versanti gelati di Blüemlisalp
«Era così facile»

«Era così facile»

La francese Alice Damesme (1894-1974) e la statunitense Miriam O’Brien Underhill (1899-1976) compiono il 13 agosto 1932 la prima ascensione tutta femminile del Cervino, con salita e discesa via Hörnli
Storia di palline blu - Il mirtillo e il ginepro

Storia di palline blu - Il mirtillo e il ginepro

Vi siete mai accorti che sin dalla notte dei tempi l’essere umano utilizza, nel bene e nel male, moltissimi piccoli frutti blu? Nella nostra brava Svizzera, 93 specie su 3541 rivestono i loro semi con
Habitat lunare sul ghiacciaio

Habitat lunare sul ghiacciaio

È possibile vivere sulla Luna? Come informa Zermatt Turismo, a questa domanda tenteranno durante l’estate di rispondere sul Piccolo Cervino (3882 m) 20 squadre di studenti europei, che all’interno del
Partner in parete nella vita

Partner in parete nella vita

«Al mio favoloso compagno vada la massima riconoscenza per la guida in questa difficilissima parete! Roccia sciolta, placche ghiacciate e neve fresca hanno reso la via più difficile. Assicurarsi con i
Dio è forse pigro? - Arnica, doronico e altri sosia

Dio è forse pigro? - Arnica, doronico e altri sosia

Avete mai pensato che quando creò i fiori delle Alpi Dio doveva essere stanco? Mentre ci sforziamo di riconoscerli, è in realtà stupefacente constatare quanti di loro si somigliano. Prendiamo ad esemp
Fake News anno 1855

Fake News anno 1855

«Baciai la bandiera, quindi, verso le tre, imboccammo la via del ritorno. Fu solo con molta fatica che scendemmo il versante del Mönch.» Era il 12 giugno 1855, la bandiera era in vetta. Ma non dell’an
Coppa presidenziale in parete

Coppa presidenziale in parete

Il 6 maggio 2008, Bettina Sulliger-Perren e Andrea Enzio, allora presidentessa e presidente delle guide di Zermatt e Alagna, scendono con gli sci la pendenza media di 50 gradi della parete est del Cer
Non fidatevi dell’erba di Medea! - Aglio orsino o colchico d’autunno?

Non fidatevi dell’erba di Medea! - Aglio orsino o colchico d’autunno?

Avete mai notato come le foglie dell’aglio orsino somigliano sorprendentemente a quello del colchico d’autunno ( Colchicum autumnale )? Spero proprio di sì, cari lettori, poiché non va dimenticato che
Un centro dedito allo studio della montagna

Un centro dedito allo studio della montagna

L’Università di Losanna ha inaugurato lo scorso novembre a Sion il Centro interdisciplinare di ricerche sulla montagna (CIRM). La nuova struttura intende riunire dei ricercatori con orizzonti diversi
Sovrastimate le dimensioni dei ghiacciai himalayani

Sovrastimate le dimensioni dei ghiacciai himalayani

I ghiacciai himalyani fondono più rapidamente di quanto si pensasse. Rispetto alle stime accettate sinora, il volume dei ghiacci è più piccolo di un quarto: lo afferma l’Istituto federale di ricerca p
Julia Huber, ragazza sportiva

Julia Huber, ragazza sportiva

Il 28 dicembre 1933 partirono in due da Vienna per attraversare le Alpi fino al Monte Bianco: Sepp Brunhuber, conosciuto come il pioniere dell’alpinismo invernale estremo, e Julia Huber. «Una ragazza
Chi c’era d’inverno sul Gross Litzner?

Chi c’era d’inverno sul Gross Litzner?

Armin Müller fu sopraffatto alla vista dei due sciatori che, il 14 marzo 1913, a Küblis, entrarono nel suo scompartimento del treno diretto a Klosters: «Christian Guler, la famosa guida alpina di Klos
Un freddo terribile - Storia e memoria

Un freddo terribile - Storia e memoria

Già dalle pubblicazioni si desume come la prima traversata invernale delle Aiguilles du Diable, la cresta ornata di torri di granito alte 4000 metri del Mont Blanc de Tacul (4248 m), compiuta il 9 e i
Che razza di mistress! - Storia e memoria

Che razza di mistress! - Storia e memoria

Nel 1878, Margaret Anne Jackson scalò per la prima volta con le sue guide la parete ovest del Dom, nel 1883 la parete est del Täschhorn per una nuova linea e nel medesimo anno eseguì la prima turistic
Sette volte più furbo: ecco l’uomo! - L’uomo contemporaneo

Sette volte più furbo: ecco l’uomo! - L’uomo contemporaneo

Care lettrici e cari lettori, al momento di concludere questa breve serie dedicata ai superpoteri degli animali delle nostre Alpi mi è sembrato essenziale proporvi uno specchio e spendere qualche riga
Joyeux anniversaire, Alois! - Storia e memoria

Joyeux anniversaire, Alois! - Storia e memoria

«‹Intendete fare la parete?›, ci chiede quasi irritata la cameriera che arriva al nostro tavolo. ‹No, signorina, cosa crede! Le sembriamo così temerari?› Tranquillizzata, incassa i suoi soldi e ci aug
118 gipeti barbuti hanno spiccato il volo

118 gipeti barbuti hanno spiccato il volo

La reintroduzione del gipeto barbuto sembra rivelarsi una storia di successo: la scorsa ­primavera sono nati in libertà nove giovani esemplari, che sono sopravvissuti all’estate. Lo comunica la Fondaz
Ranuncolo sbagliato - Errata corrige

Ranuncolo sbagliato - Errata corrige

errata corrige L’immagine che accompagnava l’articolo «Altri ­conquistatori di vette» nel numero di settembre ­mostrava ovviamente un ­ranuncolo glaciale.
Salta due volte più alto - La trota di lago
[Translate to Italiano:]

Salta due volte più alto - La trota di lago

Avete mai notato che la trota di lago è una saltatrice formidabile? Infischiandosene di onde e schiuma e capace di spiccare il volo per meglio superare le rapide, è in grado di risalire fiumi e ruscel
Vittime dell’avanzata dei ghiacciai - Giétro, memoria di un disastro

Vittime dell’avanzata dei ghiacciai - Giétro, memoria di un disastro

Il 16 giugno 1818, la rottura di una diga di ghiaccio al Giétro faceva riversare 20 milioni di metri cubi ­d’acqua nella Val de Bagnes. Un torrente di ghiaccio, ­legname e fango si prese la vita di 34
Olten: 1918–2018 - Storia e memoria

Olten: 1918–2018 - Storia e memoria

A Olten, luogo di nascita del Club Alpino Svizzero, il 10 novembre 2018 si celebrerà il 100° anniversario dello sciopero nazionale. Il Comitato d’azione di Olten aveva indetto lo sciopero generale nel
Una gestazione cinque volte più lunga - La salamandra nera

Una gestazione cinque volte più lunga - La salamandra nera

Vi è mai accaduto di osservare nella scintillante rugiada dell’alba o poco dopo la pioggia quel lento ondeggiare nero e lucente, e forse piuttosto irregolare? È la salamandra nera. Si caratterizza per
Imparare a vivere con il pericolo - L’approccio al pericolo di valanghe nel patrimonio dell’umanità dell’UNESCO

Imparare a vivere con il pericolo - L’approccio al pericolo di valanghe nel patrimonio dell’umanità dell’UNESCO

È una componente immateriale ma vitale della nostra identità: la gestione del pericolo di valanghe. Nelle ­prossime settimane si deciderà se questa specialità ­elvetica debba figurare nel patrimonio i
Pietra miliare del bouldering - Storia e memoria

Pietra miliare del bouldering - Storia e memoria

Il 20 ottobre 2000 è stato un giorno importante nella ­storia del bouldering. In quel sabato, nella mecca dei blocchi di Cresciano, il ­romando Fred Nicole percorreva per la prima volta per intero Dre
Feedback