Coppie in montagna | Club Alpino Svizzero CAS

Coppie in montagna

Natale, Pasqua, Pentecoste – per gran parte della gente, i giorni festivi sono l’occasione per stare assieme ad amici e famigliari.

Purtroppo – penso ogni volta. Rimanersene a casa per tutto quel lungo fine settimana? Impossibile! Chi frequenta con passione la montagna è un po’ asociale – almeno per coloro che rimangono al piano… E quando chiedo in giro tra gli amici di arrampicata, le cose non sono granché diverse.

Abbiamo perciò pensato che questo fosse un argomento per «Le Alpi» e sguinzagliato la nostra autrice Peggy Frey sulle tracce di coppie e giovani famiglie.

Cosa succede quando due si mettono assieme e uno solo è appassionato di montagna? Oppure quando entrambi ne sono appassionatissimi? Vi sono delle costellazioni che possono durare? E come si ripercuote tutto questo sull’ambiente circostante? Le ricerche di Peggy Frey mostrano che a essere piuttosto decisivo è il come. Se lui ama l’impegno e lei si vuole godere il paesaggio, le cose possono farsi difficili. Se lui arrampica gli 8a e si mostra impaziente quando lei si stanca in una 6a, sulla roccia si possono sentire parole forti. E al contrario, lui non sopporta sempre bene il fatto che lei arrampichi meglio o cammini più speditamente. Un po’ cliché, ammettiamolo. Ma quando invece di tenersi un po’ a freno il partner scala il Cervino, per molti si raggiunge il limite della tolleranza.

A partire dalla pagina 28 scoprirete come le coppie riescono a rimanere assieme o come la montagna possa diventare un motivo di separazione. In agosto vi presenteremo anche delle giovani famiglie, e le loro soluzioni per continuare a dar sfogo alla loro passione.

Un’altra cosa ha appurato il lavoro di Peggy Frey: chi vuole riunire lavoro, famiglia e montagna sotto un unico tetto, spesso non trova più tempo per gli altri. Tranne se gli amici lo accompagnano. Ma rieccoci al come...

Feedback