Club Alpino Svizzero CAS | Club Alpino Svizzero CAS

Tanta fatica per la sicurezza Il risanamento delle vie

Per saperne di più

Sospesi sopra le nuvole In mountain bike nell’Obersimmental

Per saperne di più

Vegetariano per tutti Verena Kuhle e Jochen Schirmann, custodi della Camona da Medel CAS

Per saperne di più

Sulle orme della signorina Hurter I 100 anni della sezione SAC Baldern

Per saperne di più

Il CAS e delle sue sezioni Attualità

L’alta montagna per camminare di nuovo
L’alta montagna per camminare di nuovo
Alps article icon

L’alta montagna per camminare di nuovo

Tornare in montagna dopo un terribile incidente: può succedere. Farlo con impegno è più raro. È tuttavia la strada imboccata dalla vodese Mélanie Brugger, vittima di un trauma cranico dovuto a una gravissima caduta da cavallo.
Leggere l`articolo
Da «Mr. Acquereflue» a «Mr. Acquapulita»
Da «Mr. Acquereflue» a «Mr. Acquapulita»
Alps article icon

Da «Mr. Acquereflue» a «Mr. Acquapulita»

Nelle capanne, l’acqua potabile è un bene scarso. Grazie a un filtro, l’inventivo Bastian Etter ha scoperto una possibilità di ottenerla sul posto. Si può così sostituire l’acqua minerale e risparmiare i voli di trasporto.
Leggere l`articolo
Dove son finiti i fiori?
Dove son finiti i fiori?
Alps article icon

Dove son finiti i fiori?

Quali piante crescono attorno alle capanne? E cosa fiorisce lungo i sentieri che le raggiungono? Dei volontari rilevano questi dati quando portano uno degli esemplari dell’opera standard sulla botanica svizzera in una capanna.
Leggere l`articolo
Mosche fuco in trasferta
Mosche fuco in trasferta
Alps article icon

Mosche fuco in trasferta

Sono numerose le specie di insetti che presentano un comportamento migratorio analogo a quello degli uccelli. Il fenomeno è oggetto di studio sul Col de Bretolet, in Vallese. Al suo centro vi sono in modo particolare i sirfidi.
Leggere l`articolo
«La situazione è peggiore che dopo il terremoto»
«La situazione è peggiore che dopo il terremoto»
Alps article icon

«La situazione è peggiore che dopo il terremoto»

In maggio, la repentina crescita del numero dei contagi da coronavirus in Nepal ha significato la fine per diverse spedizioni. Ma il vero problema era la catastrofica assistenza sanitaria e sociale alla popolazione. Un’intervista a Billi Bierling, responsabile dell’Himalayan Database.
Leggere l`articolo
Feedback