Un dono di addio allosport della montagna? Portfolio delle Alpi di Robert Bösch

Per saperne di più

«Il progresso ha carpito la montagna» Crystallization – il progetto artistico del CAS

Per saperne di più

Nella massima quiete Alla Heidelberger Hütte DAV

Per saperne di più

La temerarietàpuò colpire anche la famiglia Pratiche controverse in materia di rendite per superstiti

Per saperne di più

Edizione molto recente 2019/04

La montagne di Caio Cartoon

Novità per rubriche

Nella massima quiete
Nella massima quiete

Nella massima quiete

La Deutscher Alpenverein (DAV) festeggia i suoi 150 anni di esistenza. Una buona ragione per far visita all’unico rifugio della DAV su suolo elvetico. Vicinissima all’area sciistica di Ischgl, attorno alla Heidelberger Hütte regna una quiete sorprendente. E poco frequentato è l’accesso da Scuol.
Leggere l`articolo
Sentieri da capre alle Baleari
Sentieri da capre alle Baleari

Sentieri da capre alle Baleari

Meglio conosciuta per il turismo di massa che non per i sentieri bucolici, Maiorca ha però le carte in regola per affascinare l’escursionista. La prova in tre itinerari.
Leggere l`articolo
Sinfonia gelata alle Dents du Midi
Sinfonia gelata alle Dents du Midi

Sinfonia gelata alle Dents du Midi

La discesa del letto di un torrente non è riservata agli adepti del canyoning nella bella stagione. D’inverno, quando le condizioni lo permettono, questo tipo di impresa può procurare ottimi brividi e offrire atmosfere superbe.
Leggere l`articolo
Höch Gumme recycled
Höch Gumme recycled

Höch Gumme recycled

La nuova funivia che collega Lungern a Turren ha risvegliato dal letargo la soleggiata regione sciistica di Schönbüel, che ora si vede affollata da pedoni, racchettisti e sciescursionisti. Sullo Höch Gumme, un tempo raggiungibile con la sciovia, questi ultimi trovano vedute panoramiche e neve profonda.
Leggere l`articolo
La quiete, a due passi dalla ressa
La quiete, a due passi dalla ressa

La quiete, a due passi dalla ressa

In quest’epoca di iperpopolarità della montagna, tutti aspirano a sciare fuori dalle tracce battute. Ma come, e a quale prezzo? Ecco l’esempio del Trubelstock dal villaggio di Cordona.
Leggere l`articolo
Begli itinerari, lassù
Begli itinerari, lassù

Begli itinerari, lassù

Sul Rottällihorn regna una quiete maestosa e il sole si bea. Lassù a nessuno importa che qualche decina d’anni fa il budget del progetto della galleria di base fosse andato del tutto fuori controllo.
Leggere l`articolo
Pizzo di Vogorno: un tesoro sospeso
Pizzo di Vogorno: un tesoro sospeso

Pizzo di Vogorno: un tesoro sospeso

Imponente sentinella all’ingresso della Val Verzasca, il Pizzo di Vogorno è al tempo stesso familiare e sconosciuto. Con le sue pendici visibili dal Lago Maggiore e dal Monte Ceneri, la tentazione di raggiungerlo con gli sci è grande.
Leggere l`articolo
Con le racchette nel covo dei contrabbandieri
Con le racchette nel covo dei contrabbandieri

Con le racchette nel covo dei contrabbandieri

Raggiungibile d’inverno solo a piedi o con gli sci, negli ultimi anni la Wasenalp si è trasformato in un paradiso dei racchettisti. Ad attrarre sono gite piacevoli con molti panorami.
Leggere l`articolo
Infortuni in netto aumento
Infortuni in netto aumento

Infortuni in netto aumento

Lo scorso anno, nelle Alpi svizzere e nel Giura il soccorso di montagna ha salvato o recuperato 3211 persone.1 Nell’esercizio dello sport della montagna in senso stretto2 si sono registrati 135 incidenti mortali, un buon 30 percento in più rispetto all’anno precedente.
Leggere l`articolo
Racchettisti e valanghe: poca chiarezza
Racchettisti e valanghe: poca chiarezza

Racchettisti e valanghe: poca chiarezza

Il racchettista che viene travolto da una valanga ha statisticamente minori probabilità di sopravvivere rispetto allo sciatore. Il motivo? Non sempre i racchettisti hanno con sé un ARTVA.
Leggere l`articolo
La temerarietàpuò colpire anche la famiglia
La temerarietàpuò colpire anche la famiglia

La temerarietàpuò colpire anche la famiglia

Chi in montagna rischia troppo mette in pericolo anche i suoi famigliari. Dopo un incidente mortale, le assicurazioni possono ridurre notevolmente le rendite per i superstiti. Queste disposizioni sono tuttavia contestate.
Leggere l`articolo
Il metodo di riduzione nell’era del computer
Il metodo di riduzione nell’era del computer

Il metodo di riduzione nell’era del computer

Il classico metodo di riduzione ha un successore: il metodo di riduzione quantitativo (QRM), che mostra per la prima volta il rischio statistico di causare una valanga. Questo permette di riconoscere le zone valanghive standosene al caldo nel proprio salotto – pur non esonerandoci da una valutazione responsabile sul posto.
Leggere l`articolo
Con passione e calcolo
Con passione e calcolo

Con passione e calcolo

Gabi Aschwanden e Thomas Meier sono custodi di capanne da un quarto di secolo. Entrambi affrontano sfide analoghe, ma sono lungi dall’essere sempre d’accordo. Una conversazione su un mestiere da sogno spesso idealizzato.
Leggere l`articolo
Pro e contro: Capanne CAS con suite?
Pro e contro: Capanne CAS con suite?

Pro e contro: Capanne CAS con suite?

Il comfort nelle capanne del CAS aumenta. I letti si allargano, le camere si restringono. In sempre più capanne gli ospiti possono prenotare camere doppie. Quanto lusso occorre in capanna? «Le Alpi» ha sentito l’opinione di due custodi.
Leggere l`articolo
Capanne CAS con suite?
Capanne CAS con suite?

Capanne CAS con suite?

Il comfort nelle capanne del CAS aumenta. I letti si allargano, le camere si restringono. In sempre più capanne gli ospiti possono prenotare camere doppie. Quanto lusso occorre in capanna? «Le Alpi» ha sentito l’opinione di due custodi.
Leggere l`articolo
Niente più telefono d’emergenza
Niente più telefono d’emergenza

Niente più telefono d’emergenza

In montagna, il passaggio dalla telefonia analogica a quella digitale rappresenta una sfida. E fa sì che le capanne più discoste non dispongano più di un telefono d’emergenza.
Leggere l`articolo
Nuova offerta di bus per le gite predilette
Nuova offerta di bus per le gite predilette

Nuova offerta di bus per le gite predilette

Con il bus della neve prende avvio una nuovissima offerta di trasporto. L’aspetto particolare? Il bus circola soltanto 
quando è richiesto. I veicoli raggiungono zone escursionistiche sinora non raggiungibili con i mezzi pubblici.
Leggere l`articolo
Con la fotocamera contro l’industria petrolifera
Con la fotocamera contro l’industria petrolifera

Con la fotocamera contro l’industria petrolifera

Con le sue foto e i suoi film, Florian Schulz intende ­attirare l’attenzione sul destino delle ultime regioni selvagge della ­Terra, come l’«Arctic National ­Wildlife Refuge» dell’Alaska. Si ritiene infatti che celi immense risorse di petrolio e gas naturale.
Leggere l`articolo
Precursore e sostenitore
Precursore e sostenitore

Precursore e sostenitore

In agosto cadeva il 100º anniversario della morte di Johann Wilhelm Fortunat Coaz. L’eclettico grigionese fu uno dei precursori del Parco nazionale.
Leggere l`articolo
«Il progresso ha carpito la montagna»
«Il progresso ha carpito la montagna»

«Il progresso ha carpito la montagna»

Jean Odermatt ha sinora dedicato tutta la sua vita di  artista alle Alpi. Ora ha sviluppato per il CAS il grande progetto Crystallization. Da maggio a ottobre, dai Grigioni a Vaud, nell’ambito di numerosi piccoli eventi si rifletterà sull’approccio alle Alpi.
Leggere l`articolo

La redazione raccommanda

Con la fotocamera contro l’industria petrolifera
Con la fotocamera contro l’industria petrolifera

Con la fotocamera contro l’industria petrolifera

Con le sue foto e i suoi film, Florian Schulz intende ­attirare l’attenzione sul destino delle ultime regioni selvagge della ­Terra, come l’«Arctic National ­Wildlife Refuge» dell’Alaska. Si ritiene infatti che celi immense risorse di petrolio e gas naturale.
Leggere l`articolo
Vertici estivi
Vertici estivi

Vertici estivi

L’estate calda e asciutta ha consentito un numero di percorrenze da tempo mai raggiunto. Eccone una panoramica forzatamente incompleta.
Leggere l`articolo
Scivolare, trattenere…
Scivolare, trattenere…

Scivolare, trattenere…

Le pelli di foca ci permettono di salire in sicurezza e ­risparmiando forze. Fin qui la teoria. Outdoor Content Hub ha sottoposto per noi a test intensivi sul terreno e in laboratorio sette modelli. Ecco chi emerge.
Leggere l`articolo

Sapere di più

FAQ
FAQ

FAQ

Ulteriori informazioni
feedback