Nuove vie invernali – 1898 E 2019

Il Piz Buin (3312 m), nella Silvretta, sul confine tra il Cantone dei Grigioni e il land federale del Vorarlberg, si annovera tra le vette più famose delle Alpi, non da ultimo grazie agli omonimi prodotti per la protezione solare. D’estate e d’inverno, il fiero picco è una destinazione molto popolare. La sua prima ascensione invernale con gli sci fu compiuta il 4 gennaio 1898 dal mastro fornaio zurighese Felix Denzler (SAC Uto), dalla guida alpina Leonhard Guler, di Klosters, e dal di lui cane, «Halo», in partenza dalla Silvrettahütte e infine lungo la cresta ovest. Lo si legge nell’organo del CAS, «Alpina», del 1898 e nell’opera [3312]Piz Buin di Bernhard Tschofen. Il nuovo itinerario più recente è di Rosa Morotti e Tito Arosio, che il 31 marzo 2019 hanno percorso per la prima volta con una linea diretta la parete est, alta 500 metri: dapprima in quattro tiri lungo un canale pieno di neve e di ghiaccio (fino a 90°), quindi per il nevaio con pendenze di 30-40° sopra la metà della parete e infine in arrampicata mista (fino a M4) sino alla vetta orientale (ca. 3000 m). I due alpinisti si sono successivamente calati lungo la medesima via. Relazione e foto sono disponibili nel sito www.planetmountain.com.

Feedback