SAC-Hütte Rambert 2017 David Schweizer

Sicuri nelle escursioni alpine e in montagna 10 raccomandazioni

Le escursioni all’aria aperta offrono grandiose opportunità di esperienze nella natura, condivisione, responsabilità e avventure. Le raccomandazioni che seguono ti aiuteranno ad affrontare i modo efficace i possibili pericoli che potresti incontrare nelle tue gite in montagna.

I 10 punti si basano sulle raccomandazioni del CAA e sono state completati per te dagli esperti del CAS per la formazione e la sicurezza. Essi non sostituiscono tuttavia in alcun modo i corsi di formazione che ti permettono di acquisire le basi e di e ampliare le tue conoscenze assieme a persone debitamente formate.

10 raccomandazioni

1. In montagna sani e in forma

Camminare in montagna è uno sport di resistenza. I carichi positivi per il cuore e l’apparato circolatorio presuppongono buona salute e una valutazione realistica di sé. Evita la pressione del tempo e adotta un ritmo tale da non mandare in affanno nessun membro del gruppo.

2. Pianificazione accurata

Carte escursionistiche, guide, internet ed esperti informano in merito a lunghezze, dislivelli, difficoltà e condizioni aggiornate. Una particolare attenzione va prestata ai bollettini meteo, poiché temporali, vento e freddo accrescono considerevolmente il rischio di incidenti. Adegua sempre gli itinerari alle capacità del gruppo. Prevedi anche itinerari alternativi! Informati sui numeri nazionali del soccorso in montagna (REGA: 1414, chiamata di emergenza europea: 112).

3. Attrezzatura adeguata

Adegua l’attrezzatura alla destinazione e cerca di mantenere basso il peso dello zaino! Che tuttavia dovrà sempre contenere di che proteggerti dalla pioggia, dal freddo e dal sole. Pensa a una buona calzatura che offra una tenuta sicura. Non trascurare la protezione solare. E per le emergenze: set di pronto soccorso, coperta di soccorso e telefono mobile.

4. Calzature adeguate

Le buone scarpe da escursione proteggono, rilassano il piede e migliorano la sicurezza del passo. Scegliendole, assicurati che calzino bene, che il profilo della suola sia antiscivolo, che siano impermeabili e leggere. Inoltre, gli scarponi alti (oltre la caviglia) offrono migliore tenuta sul terreno, soprattutto con il crescente affaticamento del piede durante le gite piú lunghe.

5. La chiave: passo sicuro

Le cadute in seguito a scivoloni o inciampamenti sono le cause di infortunio piú frequenti! Tieni presente che un ritmo troppo serrato o la stanchezza possono pregiudicare fortemente la sicurezza del passo e la concentrazione. Attenzione ai franamenti: la progressione attenta permette di evitare il distacco di pietre sciolte.

6. Rimanere sui sentieri marcati

Nei terreni senza sentieri aumenta il rischio di perdere l’orientamento, di cadute e di franamenti. Evita le scorciatoie e, se ti capitasse di confondere la strada, torna all’ultimo punto conosciuto. Attenzione: i campi di neve vecchia piú ripidi vengono spesso sottovalutati e sono pericolosi. È possibile ottenere informazioni ad esempio dai custodi delle capanne.

7. Pause regolari

La tempestività delle soste serve a ricuperare, a godersi il paesaggio e a socializzare. Mangiare e bere sono necessari per mantenere efficienza e concentrazione. L’apporto sufficiente di bevande non zuccherate, come pure uno spuntino equilibrato (barrette al muesli, frutta secca, cioccolata, formaggio, carne secca, noci, «biberli»), ti danno l’energia necessaria per la giornata.

8. Responsabilità nei confronti dei bambini

Tieni presente che, per un bambino, la varietà e la scoperta giocosa sono aspetti primati. Nei passaggi con pericolo di cadute, un adulto può occuparsi di un solo bambino alla volta. Nei passaggi esposti, assicura il bambino con un tratto di corda. Gli itinerari molto esposti, che richiedono una concentrazione prolungata, non sono adatti ai bambini.

9. Piccoli gruppi

I piccoli gruppi assicurano flessibilità e consentono l’aiuto reciproco. Informa persone di fiducia in merito a destinazione, itinerario e ritorno. Assicurati che il gruppo rimanga unito. Solitari, attenzione: già i piccoli incidenti possono trasformarsi in emergenze serie.

10. Rispetto per la natura

La montagna offre un prezioso spazio libero per muoversi in una natura unica. Goditi questa libertà e rispetta la natura sensibile della montagna! A tutela della montagna, non lasciarti alle spalle alcun rifiuto, evita i rumori, rimani sui sentieri, non disturbare gli animali selvatici e al pascolo, lascia stare le piante e rispetta le zone protette.

Feedback