Ben più che sport in montagna | Club Alpino Svizzero CAS

Ben più che sport in montagna

«Ben più che alpinismo» era il motto del CAS nell’anno del giubileo 2015. Con questo motto si voleva puntare l’attenzione su quegli ideali e quelle attività del CAS che esulano dalle sue competenze primarie. Per esempio il sostegno alla cultura oppure la protezione del mondo alpino.

Ma lo sport alpino è veramente «solo» sport? L’alpi­nismo nella natura non è motorizzato e vive di movimento con le proprie forze. Chi però interpreta lo sport della montagna solo come grandi prestazioni in un maestoso scenario, ha una visione troppo ristretta. Quasi tutti noi andiamo in montagna anche per goderci la natura, i paesaggi intatti, o il silenzio. Per esporci al vento e al tempo. Per spingerci verso l’ignoto, per superare ostacoli, per osare un po’. Per essere presenti e concentrati.

Lo ammettiamo: oggigiorno, coi bollettini sulle condizioni meteo in tempo reale e i selfie scattati col drone, queste parole vanno senz’altro relativizzate. Sì, lo sport della montagna è sempre anche figlio del suo tempo. Tuttavia esso consente di vivere molte esperienze che nella nostra frenetica, tecnologizzata, iper-assicurata quotidianità sono diventate sempre più rare. Per quanto attiene all’impegno del CAS a favore dell’ambiente, che affonda le sue radici nell’anno 1907, elemento centrale è sempre stata la possibilità di immergersi in uno spazio montano intatto.

A metà giugno l’assemblea dei delegati ha approvato le nuove «Direttive del CAS sull’ambiente e lo sviluppo territoriale» (vedi pagina 54). Io sono convinto che il CAS possa perseguire con maggiore successo le sue istanze, come il mantenimento del libero accesso o la protezione dei paesaggi intatti, se continua a sostenere e mettere in risalto quegli aspetti dello sport alpino che vanno al di là della dimensione meramente sportiva o turistica.

Nonostante lo sport della montagna abbia anche risvolti negativi, come per esempio l’alta mobilità, può ciò nonostante essere utile all’ambiente. S’impara ad apprezzare la natura – e di conseguenza si tenderà a proteggerla. Le montagne ci fanno vedere quanto siamo piccoli noi esseri umani – o anche quanto può essere saporito un semplice pezzo di formaggio. Una buona premessa per un utilizzo responsabile delle risorse anche nella quotidianità.

Feedback