CCNL: il consiglio federale chiede una soluzione

Le capanne del CAS e gli altri rifugi di montagna sono per ora soggetti al contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) per il settore alberghiero e della ristorazione, e questo nonostante il CAS e l’Associazione delle capanne svizzere (SH) si siano impegnati in favore di un’eccezione presso i partner sociali e le autorità. Questo perché, in numerosi rifugi di montagna, le disposizioni pensate per ristoranti e alberghi risultano difficilmente applicabili. La soluzione proposta da CAS e SH non ha sinora trovato ascolto presso la commissione di sorveglianza del CCNL. Tuttavia, il Consiglio federale ha chiesto alla commissione di trovare una soluzione adeguata alle capanne entro la fine del 2020: in caso contrario, emanerà disposizioni proprie quanto al campo di applicazione del conferimento dell’obbligatorietà generale del CCNL. Secondo Bruno Lüthi, del settore Capanne, il CAS ha così delle buone possibilità di trovare a medio termine una soluzione adatta alle sue esigenze.

Feedback