Che anno!

Nel 2013, il Club Alpino Svizzero CAS ha festeggiato i suoi 150 anni di esistenza. È con orgoglio che possiamo guardare al passato del nostro club. Nessuna associazione ha conosciuto sviluppi altrettanto positivi: attualmente contiamo più di 140 000 soci suddivisi in 111 sezioni, gestiamo 152 capanne nelle Alpi svizzere, tramite l’associazione centrale offriamo annualmente circa 200 corsi di formazione, vendiamo 45 000 libri pubblicati dalla nostra casa editrice, «Le Alpi», l’organo del nostro club, raggiunge 260 000 lettori e possiamo ritenerci fortunati di riuscire a svolgere tutto questo lavoro assieme a 8000 volontari!

Nell’anno trascorso, sia le sezioni sia l’associazione centrale hanno dato vita a numerosissime manifesta­zioni giubilari. Vi hanno partecipato a migliaia, tutti felici di festeggiare assieme il giubileo, di guardarsi alle spalle e di osare un’occhiata al futuro. Il Museo alpino ha allestito per l’occasione un’avvincente esposizione temporanea, visitabile ancora fino a fine marzo 2014.

Il nostro agire è salito due volte agli onori. Durante l’estate, il CAS è stato ammesso nell’esclusivo club dei 150enari: si tratta di un’unione di rinomate aziende e associazioni svizzere che vantano 150 o più anni di esistenza. A novembre, poi, siamo stati insigniti dello «Swiss Logistics Public Award» per le prestazioni di spicco nel rifornimento e nello scarico delle nostre capanne. Il CAS è profondamente ancorato nella popolazione svizzera. I nostri servizi sono riconosciuti e apprezzati. Non si tratta di cose ovvie, e ne possiamo essere fieri.

Ma come posso beneficiare io, singolo socio, di tutto questo, si chiederanno più di una lettrice e di un lettore. Ora, il giubileo ha dato luogo a una miriade di interventi mediatici. Il livello di notorietà del nostro club è in tal modo aumentato e la nostra immagine si è rafforzata. Questo ci aiuterà anche in futuro a far ascoltare le nostre richieste – quando ad esempio si tratterà di ponderare l’utilizzo e la tutela del paesaggio di montagna svizzero con il CAS che si impegna in favore del libero accesso ad esso. Oppure quando vorremo assicurare a lungo termine le nostre capanne. Se il CAS avrà successo in queste prove, a beneficiarne sarà ogni suo singolo socio.

Feedback