Il silenzio violato

Di Remo Patocchi.

Candide nubi, ebbre di sole, fremono in cielo, come bianche spose: tonante un velivolo arditamente avanza, superbo messagger di virile baldanza.

Con vibranti ali d' argento, sfiora arcigne rupi, e nevi e ghiacci: poi, roteando con possente fiato, s' innalza e dilegua ne' celesti spazii.

Ritornato or sei, divo silenzio, della pace arcana eterno sposo: l' umana scienza, che tanto crea, rotto ha il tuo incanto...

in terra ed in cielo.

Feedback