In montagna vestiti alla moda

Ho cominciato con il trail running nel 2006. Allora, in Svizzera era ancora del tutto sconosciuto. Quattro anni più tardi venivo seguito dalla televisione svizzera durante l’Ultra Trail del Monte Bianco. Ne nacque un reportage su un nuovo sport «estremo». Tempi passati: da alcuni anni, la disciplina conosce un boom. Nella gran parte dei negozi di sport c’è un angolo con scarpe da trail running. Il turismo è salito sul treno con grandi eventi come il trail dell’Eiger, e nel frattempo si è pure costituita un’associazione internazionale che ha indetto un campionato mondiale. L’evento non è tuttavia riuscito ad attrarre i migliori della disciplina. Da un canto perché degli organizzatori concorrenti propongono premi in denaro più elevati, ma anche per il fatto che il trail running è il «ramo freestyle» dello sport della corsa: le star della scena vogliono continuare a vivere il loro entusiasmo per la montagna senza costrizioni e non mettersi a correre con la divisa di qualche nazionale. I trail runner sono frequentatori della montagna a cui piace muoversi nella natura agghindati alla moda.

E proprio come gli atleti di punta non si lasciano soggiogare, anche la definizione dello sport non risulta facile. Per me, il trail running comincia con la corsa nel Bremgartenwald dopo il lavoro e finisce con la ricerca del primato sul Cervino. Appena varcata la soglia, il trail runner segue sempre il prossimo sentiero più stretto. Vi sono moltissimi paralleli con il boom generalizzato che l’outdoor conosce dal passaggio del secolo. Durante il tempo libero, ci si vuole allontanare il più rapidamente possibile dall’asfalto e uscire nella natura. Non sono i chilometri a contare, bensì l’esperienza nella natura su percorsi tecnicamente impegnativi. Il trail running è il tentativo di mantenere in qualche modo sotto controllo l’equilibrio instabile durante la corsa. È impegnativo, coordinativo, esigente e legato a molte emozioni. Questo si ricollega anche al fatto che ci si espone a rischi paragonabili a quelli dello sciescursionismo. I principianti dovrebbero riflettere su questi pericoli, e farsi introdurre in quel mondo da trail runner esperti.

Feedback