Scarpe che non sono scarpe Consigli per l’acquisto delle scarpette da arrampicata

Arrampicare è una passione che può dare grandi soddisfazioni. Non è sempre così dal punto di vista dei piedi, che spesso soffrono nelle strette scarpette. E qui arriviamo all’acquisto.

Una scarpa per ogni structura di roccia

Le scarpette da arrampicata si distinguono anche grosso modo secondo tre structure di roccia: placche, cenge e strapiombi.

Placche:più adatta è una scarpa mediamente dura o piuttosto morbida senza preflessione. Andrebbe acquistata di taglia sufficiente e non dovrebbe mai far male.

Cenge/buchi:qui la scarpa dovrebbe essere piuttosto dura nella sua parte anteriore, con o senza preflessione. La punta dovrebbe calzare bene sull’alluce e, nel caricamento dell’interno/esterno della caviglia, non girare sul piede.

Strapiombi: la scarpa presenta solitamente una preflessione da leggera a forte, rinforzi in gomma extra sulle punte e un tallone il più possibile ben calzato e stabile. Dovrebbe essere molto aderente, ma non far male sotto carico.

Feedback