Uomo, quando sarai sazio?

Sull’editoriale di «Le Alpi» 08/2016

Meno è NIENTE. Per me, orgogliosa socia del CAS, è motivo di vergogna dover leggere come, apparentemente, il CAS si stia tramutando in CES (Club Egoista Svizzero), opponendosi al fatto che le bandite di caccia vengano in futuro chiamate zone di protezione della fauna selvatica con il conseguente rischio di ulteriori limitazioni. Secondo la Con­venzione sulla biodiversità, in Svizzera le superfici protette sono già quattro volte troppo poche. La popolazione elvetica e la sua richiesta di sport della montagna sono in costante aumento. È quindi urgente e solo comprensibile che delle zone di tutela della natura debbano essere allestite o ampliate. I soci del CAS non dovrebbero essere solo degli avidi collezionisti di cime, capaci solo di prendere e non di dare, ma quali uomini amanti della natura sapersi tirare anche indietro, lasciando il campo alla fauna già stressata di queste poche zone.

Feedback