Zona di tranquillità solo parziale

In merito all’articolo«Glarona: zona di tranquillità al 27%» in «Le Alpi» 07/2017

Per quanto mi è dato di desumere dal sito web del cantone di Glarona in relazione alle zone di tranquillità per la fauna selvatica, le indicazioni da voi fornite non corrispondono a quanto pubblicato da detto cantone dal 1° luglio 2017.

La zona di protezione della fauna selvatica di Kärpf è stata dichiarata zona di tranquillità solo parzialmente. Pure nella zona rossa della vostra immagine figura la regione escursionistica di Elm, cosa assolutamente impossibile nel caso di una zona di tranquillità.

Presa di posizione della redazione

La quota del 27% è stata calcolata come segue: circa il 18,15% di bandita federale di caccia (coperta per la gran parte dalla bandita di caccia di Kärpf, nella quale si trovano anche la regione sciistica di Elm e quella sciescursionistica di Kärpf) e circa l’8,55% di zone di tranquillità cantonali danno il 26,7% della superficie del cantone. Con questo, circa il 27% del territorio cantonale è soggetto a limitazioni di accesso. L’immagine proviene dal sito web della Confederazione, e vi sono rappresentate entrambe le serie di dati della bandita federale di caccia («Zone di protezione della fauna selvatica») e delle zone di tranquillità cantonali («Zone di tranquillità per la fauna selvatica»). Il titolo è stato semplificato per motivi di spazio. Nel sito web della Confederazione, le serie di dati vengono aggiornate a inizio inverno anche nel 2017-2018.

Feedback