Acqua nostra

Nuova esposizione al Museo alpino di Berna

Il turismo invernale nell’anno 2051: «In Svizzera è rimasta un’unica regione sciistica a 4000 metri di quota. Solo lassù si trova ancora della neve naturale. I più giovani tra noi non ne conoscono neppure più l’aspetto...» È una delle varianti future che il museo mette in discussione con la sua nuova esposizione speciale. La rassegna unisce ricerca e finzione: a partire dallo stato attuale delle conoscenze scientifiche, Ruth Schweikert e tre altre autrici contemporanee sviluppano idee inerenti al nostro futuro idrico e fanno raccontare la loro quotidianità agli umani del 2051. In tutto questo, svolgono un loro ruolo un chip di controllo del consumo individuale d’acqua e una mega stazione sciistica in alta montagna. Altro all’indirizzo www.alpinesmuseum.ch.

Feedback