«Anthamatten as second guide» Scienza e storia

La storia dell’alpinismo deve continuamente essere riscritta. L’esempio più recente? La prima percorrenza della Teufelsgrat, sul Täschhorn (4491 m), compiuta il 16 luglio 1887 da Mary e Albert Frederick Mummery con la famosa guida di Saas Alexander Burgener e, come annota Mary Mummery nel suo resoconto, un tale «Andenmatten» come seconda guida. Chi si celasse dietro quel nome era rimasto un mistero. Che ora è risolto: Stefan Berchtold, di Stalden, è incappato nell’annotazione decisiva di A. F. Mummery nel libro da guida di Aloys Anthamatten. Sua moglie ne è infatti una pronipote, essendo sua nonna la figlia maggiore di Aloys Anthamatten (1864-1943). Nativo di Saas-Balen, Anthamatten era una guida importante, sebbene meno conosciuta: ad esempio, nel 1885 partecipò alla prima dell’Aiguille Blanche de ­Peuterey (4112 m). «Litinam», come veniva chiamato, suonava anche bene l’armonica a bocca. Mary Mummery: «Aveva persino con sé uno speciale e magnifico strumento musicale, dal quale soffiando con vigore traeva musiche da ballo ritmate e altre melodie.»

Feedback