Coppa presidenziale in parete

Il 6 maggio 2008, Bettina Sulliger-Perren e Andrea Enzio, allora presidentessa e presidente delle guide di Zermatt e Alagna, scendono con gli sci la pendenza media di 50 gradi della parete est del Cervino dal Solvaybiwak SAC (4003 m). Il commento di Sulliger-Perren nel volume Matterhorn. Bergführer erzählen (Cervino. Le guide raccontano) di Kurt Lauber, per anni custode della Hörnlihütte: «Quando arriva il momento giusto, bisogna lanciarsi nell’avventura nel senso più vero della parola.» Quel giorno, tutto era semplicemente in sintonia, percepiva una grande fiducia. Ciò nonostante, durante la discesa non aveva smesso di ripetersi, «Sta attenta alle rocce appena ricoperte di neve. Non puoi permetterti di passarci sopra e cadere, altrimenti sei finita!» Quasi con la precisione del giorno, il 5 maggio 2016, altre quattro donne, Lorraine Huber, Giulia Monego, Melissa Presslaber e Liv Sansoz, tracciano le loro curve dal bivacco Solvay nella parete est.

Feedback