Giubileo e capanne La statistica dei pernottamenti nelle capanne CAS per il 2013

4% di pernottamenti in più: l’anno del 150° ha avuto effetti positivi sulle cifre d’affari delle 152 capanne del CAS.

Le capanne hanno beneficiato della fitta comunicazione in merito alle attività del giubileo, in particolare della serie di illuminazioni «Capanne nel rosseggiare delle Alpi», e degli innumerevoli contributi mediatici. Con qualcosa in più di 322 000 pernottamenti nelle 152 capanne del CAS, l’anno giubilare 2013 può essere considerato positivo. Le cifre dell’anno precedente sono state superate del 4%, mentre in un confronto decennale, il 2013 figura in quinta posizione.

Determinante il tempo

Nonostante le attività legate al giubileo, le entrate sono state determinate in modo marcato dalle condizioni del tempo e della neve. Lo si osserva chiaramente nei pernottamenti della stagione invernale, che rispetto all’anno precedente sono nuovamente calati del 2,7%, attestandosi a circa 66 000. Nel confronto decennale, questo è il peggiore risultato riferito al periodo tra inizio novembre e fine aprile. Le cause sono le ripetute, forti nevicate e le profonde condizioni invernali che si sono prolungate fino a fine aprile, il periodo pasquale generalmente guastato e i record di assenza del sole da gennaio a maggio.

Estate salvifica

Molto positiva si è rivelata invece la stagione estiva, nonostante il fatto che si sia effettivamente avviata solo verso metà luglio dopo un inizio piuttosto umido. Fino ai primi di settembre, il nord delle Alpi è stato caratterizzato da una delle estati più soleggiate di sempre, il che si è ripercosso in modo rallegrante sulle cifre dei pernottamenti. Questi, tra inizio maggio e fine ottobre hanno raggiunto un totale di quasi 255 000, segnando un aumento prossimo al 6%. Si tratta del terzo miglior risultato degli ultimi dieci anni.

Considerate sotto l’aspetto regionale e durante l’intero anno, a registrare i maggiori aumenti dei pernottamenti sono state le capanne delle Alpi glaronesi e sangallesi (+17%) e delle Alpi grigionesi (+8%). Nell’Oberland bernese si è assistito a una certa stagnazione, mentre il Vallese ha conosciuto addirittura un leggero calo.

Risultati economici rallegranti

Rallegrante è stata anche l’evoluzione delle cifre d’affari delle capanne che, rispetto ai pernottamenti, hanno conosciuto una crescita proporzionalmente superiore. Il volume d’affari netto dei pernottamenti è cresciuto di circa 6%, attestandosi a circa 7,4 milioni di franchi; quello delle consumazioni del 7% con quasi 19,5 milioni. Ne derivano dei versamenti delle sezioni al fondo centrale per le capanne pari a più di 1,6 milioni di franchi (+6%).

Capanne CAS: le top ten

Capanna Sezione 2012 2013

Monte Rosa Monte Rosa 8227 7384

Dix Monte Rosa 7965 6766

Lämmeren Angenstein 6436 6765

Britannia Genevoise 6861 6700

Tracuit Chaussy 5103 6116

Vignettes Monte Rosa 5949 6041

Konkordia Grindelwald 6720 5881

Terri Piz Terri 5138 5302

Maighels Piz Terri 4710 5235

Lidernen Mythen 4442 4968

Feedback