Groenlandia e Monte Bianco | Club Alpino Svizzero CAS

Groenlandia e Monte Bianco

In luglio e agosto ha fatto caldo, il tempo è stato spesso stabile. Ovvio dunque che la crème svizzera scorrazzasse di vetta in vetta.

Pareti

Assieme a Jerôme Sullivan e Antoine Moineville, Silvan Schüpbach1, ­Christian Ledergerber e Fabio Lupo hanno compiuto a fine luglio una spedizione nel sud della Groenlandia «by fair means», vale a dire che a partire dal porto di Aapilatooq hanno proceduto unicamente in kayak e a piedi. Il viaggio nell’ignoto è poi sfociato in una nuova via sulla parete ovest dell’Apostel Tommelfinger (2300 m): Metrophobia (7a, A2+, 1700 m).

Nina Caprez2 (29) ha trascorso l’estate un po’ più vicino, tra Orsières e Chamonix. Il 10 luglio ha scalato Ave Cesar (7c, 6-8 SL) al Petit clochet du Portalet. Tutte le lunghezze le sono riuscite onsight, salvo uno dei due tiri chiave (7c). Per quest’ultimo le sono stati necessari tre tentativi. Pochi giorni più tardi Nina era in cima al Monte Bianco alle nove di sera. Aveva raggiunto la vetta in compagnia di Benoit Merlin passando dalla via più difficile: Divine Providence (7b, 900 m) al Grand Pilier d’Angle (4243 m). A fine agosto ha anche scalato L’Americaine (ED, 7c, 300 m) all’Aiguille du Fou (3501 m).

Assieme a Fabien Dugit (32), anche Cedric Lachat (32) ha scalato, a fine agosto, Divine Providence. Prima, a fine luglio, a La Balme de Yenne, ­­Lachat aveva portato a termine la quarta arrampicata di Shortcut (9a). Anche i suoi protetti – Lachat allena la squadra nazionale svizzera – si sono dimostrati all’altezza: Dimitri Vogt e Kevin Huser hanno entrambi superato l’8c al primo tentativo. Grazie ai consigli di Cedric, anche Jonas Schild (24) ha percorso insieme a ­­Fabian Borter Divine Providence. Ai primi di luglio, Jonas era riuscito a portare a termine La Darbellay (8a+, 5 SL), anch’essa al Petit Clocher. Inoltre ha avuto ragione anche di Samurai (8c) a Unterwald.

Vie

Andy Winterleitner3 (27) ha scalato a Gimmelwald Jungfraumarathon (9a), Quattro Stagioni a Engelberg e Siesta a Vättis (entrambe 8c). Alexander Rohr4 (20) ha dal canto suo conquistato in agosto Bah bah Black Sheep (8c+) a Céüse e Amourir (8c) a Jans­egg.

Obed Hardmeier (22) ha percorso Nordic Flower (8c). In luglio a Unterwald, Remo Lehmann (21) ha portato a termine Samurai, la sua prima 8c.

Blocchi

Le stelle del bouldering hanno conquistato quest’estate diversi massi da Fb 8B: nelle Rocklands, Giuliano Cameroni (19) si è vittoriosamente misurato con Amandla, Golden Shadow, The Arch, Derailed sit, Ray of Light e The Escapist. Non era solo: : Samuel Ometz (21) ha portato a termine Amandla e Golden Shadow, oltre a Madiba, The Vice e Vice President, mentre suo fratello Baptiste (17) ha espugnato El Corazón, Quintessential e Air Star.

I suoi problemi, David von Allmen (32) è invece andato a cercarseli nei boschi di casa. Nel Magic Wood ha conquistato Wovenhand, anch’esso un blocco quotato Fb 8B­.

Feedback