Insincera, offensiva e cinica

Sulla lettera Energia atomica sicura in «Le Alpi» 1/2014

La lettera del signor Grob è la reazione a un aspetto isolato di una precedente lettera dei lettori, pubblicata nel numero 09/2013, che tematizzava l’accresciuto pericolo naturalmente connesso alle centrali nucleari obsolete.

Quella che tuttavia segue nella lettera del signor Grob è una catena di argomentazioni tirata per i capelli, nella quale con una serie di luoghi comuni si paragonano le vittime della montagna a quelle causate dalla generazione di energia mediante il carbone, il gas, l’acqua, il sole o il vento. La lettera culmina riducendo la catastrofe di Fukushima a tre lavoratori colpiti dalle radiazioni. Questo è insincero, offensivo e cinico. Le imprevedibili e vaste conseguenze a lungo termine riguardano centinaia di migliaia di persone. Diversi studi che illustrano le conseguenze di Fukushima tracciano un quadro decisamente oscuro, dal quale si apprende che neppure la Svizzera sarebbe sufficientemente preparata a una simile catastrofe. Ma quale «energia atomica sicura»!

Feedback