Lottatrice per natura

Un’operazione aveva posto fine al suo slancio sportivo. Ora, Annina Ring vuole tornare in vetta.

Negli ultimi anni hai dovuto lottare contro problemi di salute: cosa era successo?

A Pasqua sono cominciati dei terribili dolori agli avambracci. Sono andata dal medico, che ha diagnosticato una sindrome compartimentale. I miei muscoli sono cresciuti troppo in fretta rispetto alle fasce circostanti. Perciò, a ottobre ho dovuto subire un intervento.

Come stai, adesso?

L’operazione è andata bene. Purtroppo, però, è stato scoperto un gomito del tennista in entrambe le braccia. Ma faccio progressi ogni giorno, e già mi alleno per la nuova stagione.

Come reagisci a questi rovesci di fortuna?

Ovviamente ho provato delusione. Ma al tempo stesso sono contenta di conoscere la causa dei dolori. Questo mi rende più facile affrontarli. Nell’ultimo anno ho imparato molto su me stessa. Ascolto meglio il mio corpo e faccio attenzione ai miei limiti. Ma la cosa più importante è che la gioia di arrampicare non l’ho mai persa neppure per un secondo.

In che modo ti affascina?

Arrampicare sollecita tutto il corpo e richiede forza mentale. E non è mai noioso: ogni via è diversa dall’altra.

In questa stagione ti presenti per la prima volta tra gli Juniori: quale è il tuo obiettivo?

Vorrei salire sul podio degli Europei il prossimo autunno!

Le date essenziali

1998nasce a Bülach/ZH

2006prima volta sulla roccia

2008prima gara: donne U14, Schlieren

20141° posto ai CE giovanili di Edimburgo, 2° posto al Mondiale in Nuova Caledonia

Feedback