Ricordo di Carinzia

RICORDO DI CARINZIA

Ricordo di Carinzia

Bene m' accorsi, nel rifugio alpino, Ch' eri dell' arte ginnica maestra: Il tramonto, colpendo la finestra, Illuminava il corpo tuo divino.

Mangiammo una scodella di minestra, Scambiammo due parole sul cammino: Paragonando te col mio declino, A pena osai di stringerti la destra.

Malato, non ti chiesi per compagna, O gentile ragazza di Vienna; Non rivedrò neppure la montagna,

Bianchissima, cui il primo verso accenna, Ma un giorno, Beatrice d' Alemagna, Forse mi salverai dalla Geenna.

H. R. Landolt

Feedback