Già il suo nome dalla magica sonorità la rende una montagna da non perdere: è ciò che Hans Baer, ­autore della prima, sperava nel 1937 affrontando il Gross Diamantstock. E aveva ragione. E a tutt’oggi, questa cresta alpina offre il granito migliore in un angolo selvaggio delle Alpi.