Vie di arrampicata nuove e risanate

Lo scorso anno, gli arrampicatori hanno anche allestito alcune nuove vie o ne hanno risanate delle più vecchie. Per consentire anche a voi di sintonizzarvi con il vostro progetto preferito, eccone un elenco, peraltro neppure esaustivo. Al Felsenhorn, vicino a Kandersteg, c’è da scoprire una via bene assicurata con chiodi a espansione: Bartgeier (7a+, 5 tiri), di Dario e Sepp Kempf. Con Le Septième Sens (7b+, 7 tiri), Jean-Marie Porcellana e Grégoire Tieche hanno dimostrato che c’è ancora spazio per nuove linee anche nello sfruttatissimo Sanetsch. Al Fünffingerstock, sopra il passo del Susten, attende invece una nuova linea plaisir: nel migliore gneiss, Patrick Müller e Martin Boos hanno aperto Bohrgeist (5b+, 9 tiri). Una via plaisir è annunciata anche nella regione del Monte Bianco, dove sul Gendarme du Cardinal, sopra il Refuge de la Charpoua, Antoine Bletton e Sébastien Moatti hanno eseguito la prima di Armand Marley (6a, 7 tiri). Sono state attrezzate le soste e alcuni chiodi intermedi, ma friend e cunei sono indispensabili.

Linee risanate

Anche a Ueschenen si è lavorato: assieme ad alcuni amici, Hans Grossen vi ha risanato Transit (6c+, 30 m), Tabu (6c+, 28 m; ora con un attacco diretto) e Goldschuh (6c, 2 tiri). Si snodano a sinistra di Pschüttigütti in una roccia eccellente. Per le vie occorrono ora una corda da 70 m e 14 fettucce express. La via Retoufr, al Klein Engelhorn, è stata riattrezzata con 21 chiodi a espansione. Ora l’assicurazione può quindi essere classificata come buona. Ciò nonostante, qua e là è necessario superare lunghe distanze tra i chiodi e in particolare i tiri superiori vanno ulteriormente assicurati con friend.

Feedback