Disclaimer

Percorrere itinerari alpini esige una buona condizione, una preparazione seria e conoscenze tecniche nell’ambito dello sport di montagna. Chi percorre un itinerario descritto lo fa sotto la propria responsabilità. Per frequentare in sicurezza la montagna il CAS consiglia una formazione acquisita sotto la guida di esperti. Tutti i contenuti del Portale escursionistico del CAS sono presentati con la massima accuratezza. Il Club Alpino Svizzero CAS e gli autori non possono garantire però in alcun modo sull’attualità, la correttezza e la completezza delle informazioni messe a disposizione. Procedimenti di qualsiasi tipo contro il CAS o gli autori sono esclusi.

Sighignola 1302 m Archivio degli itinerari

Almeno di una vetta alpina su due si dice che offra una vista mozzafiato, straordinaria, unica o incantevole. Troppo spesso, però, si tratta di una frase fatta. Nel caso del Sighignola non è così. Dalla sua cima, si vedono la città di Lugano e innumerevoli paesi, poi le più vicine colline e catene montuose e, all’orizzonte, le pianure lombarde, il Monviso, il Monte Rosa, tanti altri quattromila e, non da ultime, innumerevoli vette ticinesi. Tuttavia, ciò che rende il panorama davvero speciale è il Lago di Lugano, che abbraccia la montagna con i suoi fiordi che si aprono in ogni direzione. Questa vista sì che è... mozzafiato! In Italia, la montagna viene chiamata al femminile: la Sighignola. Si tratta della sagoma dominante del lungolago di Lugano. A nord e ovest, sovrasta lo specchio lacustre svettando per circa 1.000 metri. Il suo lato meridionale, quello sopra il paesino di Arogno, è caratterizzato da tanti pilastri rocciosi. A est, invece, di fronte alla Valle d’Intelvi, forma un versante boschivo piuttosto dolce. Dal 1913, una strada turistica porta da Lanzo d’Intelvi all’altopiano di vetta, dove oggi si trovano un ristorante, un chiosco, una terrazza panoramica e un parco giochi. Negli anni Sessanta, iniziò anche la costruzione della funivia programmata da Campione alla vetta, che non venne però mai ultimata. Nel 2011/2012, la stazione a monte dell’«Ecomostro» è stata in parte smantellata.

Feedback