Alpiniski, una gara leggendaria

L’Alpiniski si disputa a fine gennaio a Les Marécottes. Per la terza volta nella sua storia, la corsa vale anche come prova di Coppa del mondo. Un’ottima occasione per lanciare i festeggiamenti in occasione del 150° anniversario del CAS.

«L’Alpiniski è una delle leggendarie gare di scialpinismo ricche di tradizione ed è oltremodo interessante», afferma Yannick Ecoeur, vincitore nel 2011. «Il tracciato è tecnico e molto impegnativo, con lunghi portage e discese difficili. La corsa si disputa fuori da una zona sciistica, il che è sempre più raro. Si tratta di una corsa tra le montagne.» Membro della squadra nazionale, a Les Marécottes Ecoeur disputa quest’anno due gare di Coppa del mondo, l’individuale e la sprint. Attende con impazienza la volata di venerdì, poiché in questa disciplina la sua squadra è al top.

Anche Séverine Pont-Combe, pure lei vincitrice lo scorso anno, tesse le lodi della corsa: «Lo scenario è straordinario, il tracciato è molto impegnativo, alpino e tecnico.» L’atleta di Mollens (VS) trova cosa buona che le gare di Coppa del mondo si disputino nell’ambito di una corsa popolare: «I dilettanti competono fianco a fianco con l’élite mondiale, e i migliori atleti del momento hanno modo di gustare una grande festa dello scialpinismo.»

Evento pioniere

Queste affermazioni non lasciano dubbi: l’Alpiniski è una corsa di una classe speciale, come ad esempio il Trophée du Muveran o la Patrouille des Glaciers. Si annovera tra gli eventi pionieristici in Svizzera, e dalle sue prime edizioni negli anni Novanta ha conosciuto dei cambiamenti. Battezzata «Alpiniski des Dents du Midi», conduceva «attraverso il Col de la Comba Mornay a Champéry», racconta Anne Bochatay, responsabile del settore tecnico. «Oggi il tracciato passa dalla parte di Les Marécottes e Salanfe: sull’altro percorso le condizioni erano troppo variabili.» Lo spettacolo rimane grandioso. L’itinerario gira attorno al Luisin, passa dal Col de la Golette, dalla Pointe des Perron e dal Col d’Emaney. Il giro classico comporta quattro portage, quello di Coppa solo due. La gara si disputa ogni due anni, in alternanza con la Patrouille. «Rappresenta un vantaggio, ma anche uno svantaggio», commenta Anne Bochatay: «Da un canto non possiamo approfittare, in quanto le squadre che si allenano per la PDG corrono da noi, ma d’altra parte abbiamo il nostro proprio pubblico.» Quest’anno sono attesi 600 partecipanti, 100 dei quali si cimenteranno per la Coppa del mondo.

Comitato allargato

Nel 2011, il CO dell’Alpiniski è stato riconosciuto come migliore organizzatore in Coppa svizzera, ed è perciò stato indotto a occuparsi di una prova di Coppa del mondo. L’idea era già da qualche tempo nell’aria, e il 150° anniversario del CAS ha offerto l’occasione unica di mettere in piedi una manifestazione di queste dimensioni. Il comitato organizzatore, diretto da Pierre-Angel Piasenta, è stato allora allargato da sei a dodici membri. «Le esigenze sono maggiori, e sebbene abbiamo già dimostrato di saper svolgere i nostri compiti, quando ci si muove a livello di Coppa del mondo la mole di lavoro aumenta notevolmente. I rilevamenti dei tempi devono orientarsi a fattori precisi, così come le misure contro il doping e la vincita», spiega Anne Bochatay. 150 volontari sono impegnati affinché tutto fili liscio e la sicurezza sia garantita. Rimangono però talune incertezze: «Ancora non abbiamo mai dovuto annullare una gara. Ma una domanda è fonte di stress fino all’ultimo: le condizioni meteo e della neve saranno quelle giuste? Del team fa parte una giuda alpina, che a quel momento aiuterà a prendere le decisioni giuste.» Bochatay spera che la partecipazione alla corsa popolare sia massiccia: «Nonostante la Coppa del mondo, i dilettanti rappresentano il cuore della manifestazione.»

Maggiori informazioni

L’Alpiniski 2013 in breve

L’Alpiniski si apre giovedì, 24 gennaio 2013, sulla Place Centrale di Martigny. La cerimonia della premiazione avrà luogo sabato, 26 gennaio, nel quadro dell’inaugurazione dei festeggiamenti per il 150° anniversario del CAS presso il CERM (Centre d’Expositions et de Réunions, Martigny).

A Les Marécottes si disputano due gare di Coppa del mondo: lo sprint di venerdì e la corsa individuale di sabato (uomini: ↗ 1538 m, donne: ↗ 1061 m).

Il sabato si disputa anche una corsa valida per la Coppa svizzera. Gli atleti si misurano in coppie su tre percorsi: donne, espoirs e seniores (↗1910 m); juniores e dilettanti (↗1061 m); cadetti (↗520 m).

Feedback