Guerra fredda sull’Everest

Nel 1962 tre giovani alpinisti americani (e uno svizzero aggregatosi all’ultimo momento) decidono di tentare la conquista dell’Everest da nord entrando di nascosto nel Tibet controllato dai Cinesi. In piena guerra fredda rischiano di essere accusati di spionaggio e di causare un incidente diplomatico fra gli Stati Uniti e la Cina. Questa è la storia, raccontata con ironia e understatement, di una spedizione leggera e autosufficiente, vera novità per l’epoca, che si avventura in completa autonomia nell’Himalaya, senza ossigeno, senza portatori, senza campi fissi e dopo 200 km a piedi raggiunge la sommità del Colle Nord sull’Everest. L’autore e guida della spedizione Woodrow W. Sayre fu nipote del presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson, pilota dell’aviazione americana durante la seconda guerra mondiale, professore universitario e alpinista.

Autore

Woodrow W. Sayre

Origine

Monte Rosa edizioni, Gignese 2018, ISBN 978-88-9409-559-3, € 14,50