La montagna a mani nude

A 50 anni dalla prima edizione torna un grande classico. Scritto dal grande alpinista francese al culmine della sua carriera è il primo libro di René Desmaison e sembra nascere dall’urgenza di fermare su carta le emozioni, la gioia, la libertà ma anche la sofferenza di chi ha deciso di dedicare la propria vita alla montagna. In un gioco di specchi in cui si fronteggiano diari, descrizioni in presa diretta, riflessioni, storiche fotografie in bianco e nero, scorrono davanti ai nostri occhi le pareti più belle, le prime invernali, le direttissime più proibitive delle Alpi e gli alpinisti più eccezionali di una generazione eccezionale, quella di Bonatti, per intenderci: l’Ovest dei Drus, la Walker alle Grandes Jorasses, il Pilone centrale del Frêney, la Noire de Peutérey, la Ovest di Lavaredo. E accanto a Desmaison vediamo arrampicare Lionel Terray, Pierre Mazeaud, Jacques Batkin, Jean Couzy… grandi alpinisti e grandi amici con cui l’autore dialoga cercando la ragione di quella comune passione così pericolosa e così irrinunciabile, in grado di offrire «una vita aperta, immensa, ricca di momenti esaltanti, sfavillante di luce». La montagna a mani nude si conferma uno dei libri più intensi e autentici della letteratura di montagna, scritto da un grande e indimenticabile alpinista.

Autore

René Desmaison

Feedback