Un sogno lungo 50 anni Storie dell’arrampicata finalese 1968-2018

Quale climber svizzero non conosce le falesie di Finale Ligure con i loro buchetti insidiosi, gli avvicinamenti talvolta perfidi nascosti nei boschi e le protezioni non sempre vicine tra di loro? Da 50 anni sono una meta di pellegrinaggio per gli appassionati dell’arrampicata sportiva. Un mezzo secolo sembra tanto, ma alla fine non lo è - la loro scoperta è relativamente recente e la loro storia strana e inconsueta. Non c’è personaggio migliore per raccontare le loro vicende di Alessandro Grillo, tra i primi ad averle scoperte, frequentate e valorizzate. Grillo, ormai quasi ottantenne, imprenditore sanitario fino a poco fa con una laurea in chimica e una profonda devozione per la psicologia, è stato un alpinista eclettico, un grande viaggiatore e arrampica tuttora con entusiasmo. Il suo libro, completato di una parte con scritti di vari amici, è un ritratto del finalese roccioso di un innamorato vero pieno di episodi e aneddoti e d’incontri con personaggi e appassionati di ogni genere e carattere. Dopo la lettura del suo libro - che avrebbe meritato un editing più approfondito per eliminare qualche svista - vedremo le rocce sopra i borghi e nelle valli dell’entroterra finalese sotto un’altra ottica, arricchita di tante storie e tanta storia.

Autore

Alessandro Grillo

Origine

Versante Sud, Milano 2018, ISBN 978-88-85475-335, € 19,90