L’Orco, il Monaco e la Vergine Eiger, Mönch, Jungfrau e dintorni: storie dal cuore ghiacciato d’Europa

Il titolo attira, la copertina pure e la lettura non delude. Diverte e intrattiene quando ad esempio disquisisce sulle meringhe di Meiringen, diverse da quelle francesi e italiane, tra ricette e etimologia della parola. Oppure quando racconta della storia dello Sbrinz che per la prima volta incontra là dove il suo viaggio ha inizio, nella penombra gialla di una cantina alla periferia di Lucerna per poi proseguire per i fasti mondani di Gstaad, le cascate di Lauterbrunnen fino all’immacolata cima della Jungfrau. Con un viaggio che si estende dall’epoca del Grand Tour fino ai giorni nostri, tra letteratura, storia, grandi avventurieri e alpinisti Paolo Paci ci porta a spasso tra le alpi svizzere dell’Oberland bernese. Qui si trovano le tre cime che guardano a picco sui pascoli di Grindelwald. Secondo la leggenda un orco, l’Eiger, vorrebbe attentare alla virtù di una vergine, la Jungfrau, e un monaco, il Mönch, si frappone tra i due per difendere la suddetta virtù. La realtà ci racconta invece un’altra storia ma per scoprirla dovete avventurarvi in questo avvincente itinerario tra cime, valli, villaggi e personaggi della Belle Époque alpina.

Autore

Paolo Paci

Origine

Corbaccio, Milano, 2020, ISBN 97-8-886-700622-9, € 19,90

Feedback