Dalla Capanna Salei, passando dal Pilone, fino ai Bagni di Craveggia | Escursionismo alpino | Cima Pian del Bozzo / Pilone | Club Alpino Svizzero CAS

Disclaimer

Percorrere itinerari alpini esige una buona condizione, una preparazione seria e conoscenze tecniche nell’ambito dello sport di montagna. Chi percorre un itinerario descritto lo fa sotto la propria responsabilità. Per frequentare in sicurezza la montagna il CAS consiglia una formazione acquisita sotto la guida di esperti. Tutti i contenuti del Portale escursionistico del CAS sono presentati con la massima accuratezza. Il Club Alpino Svizzero CAS e gli autori non possono garantire però in alcun modo sull’attualità, la correttezza e la completezza delle informazioni messe a disposizione. Procedimenti di qualsiasi tipo contro il CAS o gli autori sono esclusi.

Dalla Capanna Salei, passando dal Pilone, fino ai Bagni di Craveggia Cima Pian del Bozzo / Pilone 2192 m

  • Difficoltà
    T3+
  • Salita
    1:15 h, 550 m
  • Discesa
    3:30 h, 1340 m

La vetta panoramica e gli antichi bagni

Scendendo più o meno lungo il confine nazionale dal Pilone alla Valle Onsernone, a fondovalle si incontra una rovina dalla storia interessante: l’ex stabilimento dei Bagni di Craveggia, costruito nel 1823, completamente distrutto da un incendio nel 1881, ricostruito e annientato definitivamente nell’inverno del 1950/51, quando enormi masse nevose precipitarono dal Pilone attraverso la Valle della Camana, travolgendo l’hotel termale dall’altra parte del fiume. Ai suoi tempi d’oro, l’hotel accoglieva ospiti in cura, che venivano trasportati su portantine da Craveggia, in Valle Vigezzo, oltre la montagna, per trovare sollievo tra le acque curative dei bagni. L’attività termale era possibile grazie all’acqua calda delle sorgenti, che sgorgava dalla montagna a una temperatura di 28 °C e veniva raccolta all’interno di vasche. Nei resti dell’antico edificio principale, si trova ancora oggi una di queste grandi vasche in granito. Anche l’acqua continua a svolgere il proprio compito: qui, nella buia cantina, a lume di candela, o in nuove vasche esterne, gli escursionisti possono riposare le proprie affaticate membra nell’acqua calda.

Descrizione dell'itinerario

Capanna Saléi – Pilone

Dalla Capanna Saléi si seguono i cartelli, salendo al laghetto dei Saléi, le cui acque, in piena estate, raggiungono temperature balneari, e al Passo del Bùsan (2 006 m). Lungo un sentiero sempre più stretto, si attraversa il versante assolato del Motto dei Ciapitt e si arriva alla cresta che porta al punto più alto del Pilone, con l’ometto di pietra e la grande roccia di confine con la scritta «R.I.C.S. 14» (Repubblica Italiana, Confederazione Svizzera; la piccola «C» sotto indica il comune italiano di Craveggia, la «O» quello svizzero di Onsernone).

Pilone – Mondada – Piattone

La discesa segue l’ampia cresta orientale del Pilone, oltrepassa il P. 2079 e torna al Passo del Bùsan (2 006 m), da dove, in direzione sud, si passa dal Munzelüm e si raggiunge l’Alpe Pesced (1 778 m). Qui si prosegue ancora verso valle, alla volta di Spruga, fino a quando, a Pian Secco, il cartello indica la destra per il Ristorante Mondada. Da qui, Spruga si potrebbe raggiungere in una buona mezz’ora. Più avventurosa e appagante è però la seguente deviazione che passa dai Bagni di Craveggia: dal borgo di Mondada, si seguono le tracce che si snodano orizzontali verso ovest. Al bivio successivo, in corrispondenza di Piattone, si prende la via inferiore, che conduce direttamente nella Valle della Camana.

Piattone – Bagni di Craveggia

Dopo Piattone, si continua inizialmente in orizzontale attraverso un bosco molto ripido (marcatura di colore rosso), dopodiché si supera una fascia rocciosa ("I Scalaa", catene) , al P. 1393 (ponte), anche il fiume. Su tracce non sempre chiare, si raggiungono le due case di Camana (1 375 m) nella radura ricoperta di vegetazione. La via si fa ora davvero poco visibile, ma, con un po’ di intuito e occhi attenti, si riesce a discendere il ripido bosco tempestato di cenge verso il P. 977. Qui è bene togliersi le scarpe e, se il livello dell’acqua lo consente, si attraversa l’Isorno per raggiungere le rovine dell’ex stabilimento termale (in alternativa si prende il ponte 250 m più avanti, in direzione sud-est). Una grande vasca in granito e alcune vasche esterne invitano a farsi un bagno nelle calde acque di sorgente.

Bagni di Craveggia – Spruga

Dal gruppo di case sopra i bagni, l’ultimo tratto porta alla caserma dei doganieri e, poco dopo, a un ponte sul fiume, che conduce a una stradina carrozzabile. Questa costeggia imponenti pareti rocciose e si snoda fino alla fermata dell’autobus a Spruga (1 113 m).

Informazioni complementari

Punto di partenza
Punto d`arrivo

Spruga (1113 m)

Tempo

Capanna Salei – Pilone 1 ora 15 min.

Pilone – Bagni di Craveggia 2 ore 45 min.

Bagni di Craveggia – Spruga 45 min.

Difficoltà / Materiale

Trovare la via per Mondada non è facilissimo, dato che qui confluiscono diversi sentieri. Una volta presa la direzione giusta (marcatura di colore rosso), si incontrano alcuni punti in cui la via è leggermente franata. Sempre più sottile, il sentiero passa davanti e sotto alcune rocce, fino al letto del fiume. Una volta individuato il percorso per Camana, la radura, sempre più ricoperta di vegetazione, e la discesa per i bagni si trovano senza grossi problemi.

Punto di passaggio

Passo del Bùsan (2006 m)

Passaggio più semplice e molto più frequentato dalla Valle Onsernone alla Valle di Vergeletto.

Bocchetta dei Ciapitt (2079 m)

Punto di partenza dell’ampia cresta, in parte rocciosa, che segue il Pilone fino al Pizzo di Madei.

Autore

Remo Kundert

Remo Kundert è capogita e titolare del tour operator escursionistico «per pedes bergferien». Inoltre, lavora come fotografo e giornalista freelance. In veste di autore, ha redatto ovvero ha partecipato alla realizzazione di numerose guide alle capanne, libri di alpinismo e libri di escursioni per famiglie.

Il nostro consiglio

Locarno-Lugano - 1:50'000

Landeskarten

Locarno-Lugano - 1:50'000

Prezzo CHF 25,00
Prezzo per i soci CHF 22,50
Primo soccorso

Ausbildung

Primo soccorso

Prezzo CHF 36,00
Prezzo per i soci CHF 29,00
Tourenportal Jahres-Abo

Tourenportal Abonnemente

Tourenportal Jahres-Abo

Prezzo CHF 42,00
Bergwandern von Hütte zu Hütte

Hütten

Bergwandern von Hütte zu Hütte

Prezzo CHF 49,00
Prezzo per i soci CHF 39,00
Familienausflüge zu SAC-Hütten

Hütten

Familienausflüge zu SAC-Hütten

Prezzo CHF 49,00
Prezzo per i soci CHF 39,00
SAC-Thermosflasche 0.5l

Outdoor

SAC-Thermosflasche 0.5l

Prezzo CHF 49,00
Prezzo per i soci CHF 43,00
Alpinwandern von Hütte zu Hütte

Hütten

Alpinwandern von Hütte zu Hütte

Prezzo CHF 49,00
Prezzo per i soci CHF 39,00
Feedback