Editoriale

Proposte di itinerari

L’ultima opportunità
L’ultima  opportunità

L’ultima opportunità

L’ampliamento della regione sciistica di Andermatt-Sedrun esige il suo tributo: ben presto, delle classiche gite con gli sci alla Fellilücke e al Piz Tiarms non rimarrà più nulla.
Leggere l`articolo
Vincita garantita
Vincita garantita

Vincita garantita

Che taluni cerchino la fortuna negli antri del gioco di Las Vegas è cosa arcinota. Ma ben pochi sanno che anche chi arrampica può ricavare qualcosa.
Leggere l`articolo

Sicurezza

In equilibrio su una gamba
In equilibrio su una gamba

In equilibrio su una gamba

Le conversioni sono spesso e purtroppo causa di cadute con conseguenze gravi. Nel dubbio bisognerebbe ricorrere a tecniche alternative.
Leggere l`articolo

L'opinione dei lettori

Capanne

Montagna e ambiente

«Non a spese del paesaggio»
«Non a spese del paesaggio»

«Non a spese del paesaggio»

Raimund Rodewald, attivo nella tutela del paesaggio, sulle conseguenze della nuova strategia energetica.
Leggere l`articolo

Scienze e storia

Ai massimi livelli

Un assaggio olimpionico
Un assaggio olimpionico

Un assaggio olimpionico

I Mondiali di Inns­bruck daranno l’impressione di un’Olimpiade settembrina. Alle tre consuete discipline si aggiungerà infatti quella della combinata olimpica, una forma adottata ai Giochi di Tokyo del 2020. Al di là dei titoli mondiali in difficoltà, speed e blocchi, la classifica della combinata sarà perciò molto attesa, in quanto rivelerà i primi favoriti dei Giochi olimpici. Sì, poiché nel 2020, per diventare campione olimpico di arrampicata bisognerà dimostrarsi polivalenti: il migliore specialista di lead non potrà aspirare al titolo se non si imporrà anche in velocità e blocchi. Dopo una fase di qualificazione in ognuna delle discipline, la finale vedrà i sei migliori disputarsi le tre prove in una giornata. La velocità sarà seguita dai blocchi e quindi dalle difficoltà. Il risultato finale sarà il prodotto dei punti racimolati nelle singole prove. Sarà così difficile prevedere chi risulterà vincitore prima della fine dell’ultima gara. Ritenuto una sfida da alcuni, il formato combinato non raccoglie comunque l’unanimità dei consensi. L’introduzione di questo «triathlon verticale» sconvolge in uno sport, dove finora gli atleti tendevano a specializzarsi in una o al massimo due discipline. Un atteggiamento che in futuro potrebbe cambiare.
Leggere l`articolo

Vivere in montagna

Servizi

Libri, film e pagine web

Novità del mercato

Feedback